HomeNotizieFoodnews ed eventiA Pozzuoli nasce “10”

A Pozzuoli nasce “10”

Pizzeria 10 Diego Vitagliano

     Apre sabato 10 settembre, sul lungomare di Pozzuoli, la nuova pizzeria di Diego Vitagliano, giovane e promettente pizzaiolo napoletano, già famoso per il suo impegno nello studio degli impasti.

     Il locale si chiama “10 Diego Vitagliano Pizzeria” proprio a sottolineare il legame tra il giovane pizzaiolo e il numero 10, che ovviamente richiama un altro grande “Diego” che ha fatto la storia calcistica della città e al quale il nome stesso di Vitagliano chiaramente si ispira.

dsc_0121

     L’idea della nuova pizzeria parte dalla start up Pizza Nova, con la consulenza di Giuseppe Gargiulo, per quanto riguarda la sezione marketing. Fa parte del progetto anche il socio di Diego, Ferdinando Guido, suo allievo e collaboratore.

Ambiente giovane e tecnologico.

     Il locale strizza l’occhio ad una clientela giovane, con diverse innovazioni tecnologiche già nella gestione della sala e nelle prenotazioni, offrendo novità quali l’Hot Spot di Facebook o l’avviso via Whatsapp della disponibilità del tavolo già in precedenza prenotato e si propone, quale “contenitore” di prodotti di eccellenza di provenienza quasi esclusivamente flegrea, la promozione del territorio tra i giovani, avviandoli a nuove esperienze: tale intento si palesa sia nella scelta di tenere bassi i prezzi delle pizze “base” (margherita e marinara), accanto a pizze e bevande più “complesse”, che in una sorta di “riffa”, con pizze omaggio, in palio per i clienti.

     Due le sale interne, una cosiddetta “degli amici”, nella quale sarà possibile sedere a “tavolate” uniche, come si usava nelle antiche pizzerie napoletane, l’altra con vista sul forno, completate da un ampio spazio esterno e la possibilità di sfornare un massimo di 300 pizze a serata.

Una scelta campana!

dsc_0085

     Una delle particolarità di “10” consiste, infatti, nella provenienza quasi esclusivamente flegrea dei prodotti utilizzati, dai condimenti per le pizze, alle birre, passando per i salumi e i formaggi, affinati in zona, fino ai dolci della pasticceria puteolana Sciardac. Particolare l’olio utilizzato sulle pizze, l’extravergine “Suonn” dell’azienda agricola Colella, prodotto sull’isola di Ischia ora ad esclusivo uso della pizzeria.

     Le pizze avranno due impasti di base, uno classico e l’altro, davvero innovativo e interessante, a base di alghe, che sarà la base delle “pizze di mare”, realizzate con prodotti dei pescatori aderenti al consorzio Pescato Campano.
Ortaggi e verdure invece saranno scelti in collaborazione con i contadini della Coldiretti Campania e seguiranno quindi una stretta stagionalità.

     Una nota a parte meritano i “cartocci di Mariagrazia” (crocché, frittatine, arancini) realizzati con grande maestria e leggerezza in due versioni, una classica di terra, secondo la migliore tradizione partenopea e una, davvero interessante, di mare con accostamenti audaci ma ben riusciti, come ad esempio i frutti di mare nella frittatina di pasta o l’arancino al nero di seppia.

     Il locale si propone di organizzare in futuro un menù per celiaci.

dsc_0037

Comments

Written by

Calabrese, un po' lucana, napoletana per residenza, mamma e moglie per "famiglia", avvocato per l'albo, "cucinatrice" (non ho presunzione di chiamarmi "cuoca") ed assaggiatrice per passione. Mi piace parlare di cibo, cucinato da me, da altri, anche solo visto o annusato. Certamente curiosa.