HomeRicetteAmatoriali“Antò fa caldo…peperoniamo?”

“Antò fa caldo…peperoniamo?”

Banner

Una ricetta semplice e disarmante ma estremamente fresca e saporita per un prodotto del nostro orto che non stancherà mai di piacere al palato ed alla vista.
Signore e Signori, ecco a voi il peperone!

Principe delle nostre coltivazioni, eternamente in lotta con il pomodoro per il primo gradino del podio dell’importanza, con le sue forme più diverse, con i colori più accesi e con i profumi che è in grado di sprigionare sia a crudo che una volta cotto.
E cosa di meglio per una ricetta leggera e fresca che potrebbe adattarsi benissimo a diversi piatti a base di pasta o di riso, o anche semplicemente su fette di pane abbrustolito o su carni bianche da avicoltura o di pesce?
Una crema di peperoni, l’aggiunta di un formaggio a pasta molle, un pugno di erbette aromatiche fresche che danno una nota colorata e allegra, per un pranzo veloce e rinfrescante o per una cena leggera ed intrigante, assolutamente da gustare in compagnia.

Dosi per 4 persone:
4 peperoni di diverso colore (sbizzarritevi con la fantasia e con le varietà secondo quanto avete a disposizione, sia coltivato, sia acquistato dal vostro fruttivendolo di fiducia);
150 gr di formaggio a pasta molle (prescinsuea, squaqquerone ma potete usare anche ricotta o caprino)
Erbe aromatiche: maggiorana, origano, basilico.

Procedimento
Dopo aver lavato i peperoni e privato dei semi all’interno, infornate a 180° per almeno 40 minuti.
Una volta raffreddati, spellare i peperoni, tagliarli grossolanamente e frullarli con il minipimer aggiungendo il formaggio e le erbe aromatiche prescelte, insieme al un filo di olio evo ed un pizzico di cristalli di sale di Salina.
Deve risultare una crema non eccessivamente fluida ma nemmeno troppo solida. In caso aiutatevi con l’aggiunta di altro olio evo fino ad ottenere la giusta consistenza.
Con la crema così ottenuta potete sbizzarrirvi per condire spaghetti o tagliatelle appena scolate, aggiungendo semplicemente un po’ di acqua di cottura da amalgamare in un padellone mentre fate saltare la pasta e rifinendo con prezzemolo tritato e una spolverata di parmigiano reggiano grattato.
Oppure semplicemente versare la crema su fette di pane raffermo abbrustolito, petti di pollo o tacchino grigliati, fette di pesce da taglio a carni bianche come la ricciola.
Un filo di olio evo per aumentare la lucentezza del piatto, in abbinamento ad un calice di vino bianco freschissimo (senza bollicine è anche meglio) e buon appetito.

di Salvo Schiavone

Comments