HomeTestati per voiBevande, liquori e cocktailCocktail del mese: Spuma di Mango e Maracujà

Cocktail del mese: Spuma di Mango e Maracujà

cocktail spuma di mango e maracujà

Per la realizzazione di questo cocktail molecolare analcolico occorrono un sifone da cucina per creme e un frullatore a immersione.

Ingredienti:

  • 300 grammi di purea fresca di Mango
  • 200 grammi di polpa fresca di Maracujà, comunemente chiamato Frutto della Passione
  • 50 grammi di SOSA Pro Espuma Cold

Preparazione del Cocktail Spuma di Mango e Maracujà

La purea fresca di Mango si ottiene frullando la polpa di un Mango maturo.

La polpa fresca del Frutto della Passione si ottiene tagliando a metà i frutti, estraendo la polpa direttamente in un colino posto sopra un recipiente che accoglierà la polpa priva dei piccoli semi del frutto.

La polvere di Pro Espuma Cold è un prodotto della cucina molecolare che crea una spuma, quindi dà volume, a succhi e liquidi freddi.

Unire tutti gli ingredienti in un recipiente ed utilizzare un frullatore ad immersione per rendere il composto omogeneo. Versare il preparato in un sifone da cucina per creme (quindi con cartuccia di NO2) e riporre in frigo.

Per servire il cocktail, capovolgere il sifone e premere sulla leva per far fuoriuscire la spuma che andrà servita in un bicchiere come da foto, con un topping di polpa fresca di 1 Frutto della Passione con tutti i semi.

Ph: Rosario Macera

Comments

Written by

Nasce sotto l'ETNA ad Acireale in provincia di Catania dove inizia sin da ragazzino a mettere le mani in pasta nel noto laboratorio locale di granite di mandorle e pasticceria Condorelli. Passa il tempo e si ritrova quanto prima dietro il banco, in sala, e, tra i clienti di bar, caffetterie e sale ricevimenti. Marcello inizia sin dai primi momenti a maturare una passione per il food & beverage in salsa "social" poiché era noto ad amici e conoscenti la sua espansività, cortesia, e savoir faire nel costruire e mantenere i rapporti con la clientela al punto che i clienti dicevano: dov'è Marcello. Impetuoso come il vulcano, fertile come la sua cenere, e duro come il basalto decide di diventare quanto prima un embassador della cultura del saper bere e inizia a costruire la sua carriera navigando, come faceva quando era imbarcato sulla nave Chimera della marina militare italiana, tra le acque dei corsi FISAR, AIBES e FBS Planet One, per approdare dopo pochi anni sulla terra ancora per molti poco conosciuta e molto combattuta della mixologia di Ferran Adrià. Come durante l'eruzione dell'ETNA, a muntagna, come la chiamano in Sicilia, la passione di Marcello diventa come la lava, densa, fluida, caldissima, e colorata. Il suo amato mare lo ha sempre ispirato ad andare lontano, alla ricerca di nuove mete e il viaggiare in Africa, Asia e Medio Oriente amplia il già forte interesse per qualità, innovazione e creatività. La Rivoluzione da Bar Chef Mixologist continua a casa da autodidatta tra carte, libri e video di Dario Comini, brochure e kit da piccolo chimico come quello di MoleculeR(evolution). Sono le sue muse della mixologia, barman Dario Comini in primis, chef Ferran Adrià, e chef Heston Blumental ad essere stati i fari che hanno illuminato le sue alchimie di cocktails molecolari. Marcello completa l'esperienza sensoriale dei suoi clienti con un esclusivo viaggio olfattivo in una finissima polvere di cacao a mezzo del suo chocolate shooter ideato dal maître chocolatier belga Dominique Persoone. Il futuro?... chiedete a Marcello.