HomeL'editorialeIl punto di vistaDimagrire è un po’ morire

Dimagrire è un po’ morire

dieta-fai-da-te

dieta_sportivoSettembre, non è una novità, is the new Capodanno. Mai come in questo periodo dell’anno, limbo del cuore e dei sensi in cui ci si culla con la pelle ambrata e due righe di ricrescita, si prendono decisioni  molto strong, in grado di cambiarti la vita. Una tra tutte: dimagrirò [ancora un po’ e dimagrirò].

Qualsiasi persona di buon senso, chiamata a rispondere, direbbe che signoramia, le diete vanno fatte con criterio, bisogna mangiare tutto ma con moderazione e che soprattutto quello che conta è il mantenimento che perdere peso è facile, conservare il risultato raggiunto è il fatto difficile.

Queste cose veramente le sappiamo tutti, ma  forse non le abbiamo capite bene dal momento che nel nostro paese il  57% degli uomini e il 37% delle donne è penosamente in sovrappeso e ha provato almeno una volta nella vita a mettersi a dieta. E quindi abbiamo bisogno di un veloce ripassino che ci racconti quali sono le diete più famose al mondo, le più seguite, le più amate, quelle che aprono un varco di speranza tra una maniglia dell’amore e un interno coscia ipertrofico.

LA CRONODIETA

È bella: puoi mangiare tutto quello che vuoi ma solo a orari della giornata precisi. Tipo che la zuppa di fagioli puoi fartela per colazione, e alle 5.00, vicino al tè, un bell’uovo sodo. Elementare Watson.

LA DIETA SOUTH BEACH

Si distingue per acume quasi e più della cronodieta: puoi mangiare tutto, ma niente carboidrati, né zuccheri ne grassi. Vorrei dire a questo cardiologo che l’ha inventata, Mr Arthur Agatston: bravoh.

LA DIETA PALEOLITICA

E’ facile: basta mangiare carne di dinosauro come i nostri antenati a qualsiasi ora del giorno la fame ci raggiunga. Wilma, passami la clava.

LA DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO

Praticamente il Gruppo 0 mangia la carne, il Gruppo A mangia le verdure ma non deve manco toccare i latticini, il Gruppo B può mangiare tutto e il Gruppo AB può sostenere un regime alimentare pari a quello di un verro. Tutto ver(r)o.

LA DIETA TISANOREICA

Non lo voglio neanche scrivere quello che la dieta Tisanoreica prescrive. Mi basta vedere quel signore pennellato coi risvoltini (è sempre inquadrato a mezzobusto ma sono sicura che i risvoltini da qualche parte ce li ha) per capire che la scienza ha evidentemente fallito e che se devo fare la sua dieta per diventare così, grazie no.

LA DIETA DASH

Non so se l’ho capita bene, ma mi sembra di poter sintetizzare che con 2000 calorie al giorno  vinci due fustini  di detersivo.

LA DIETA WEIGHT WATCHERS

Simpaticamente impronunciabile questa dieta va incontro al dimagrendo e alla sua psiche con riunioni di sostegno, gruppi d’ascolto, sessioni di mutuo soccorso. Una bella rottura di palle, tanto valeva drogarsi.

LA DIETA A ZONA

Dice che se vuoi raggiungere l’ambitissimo terno del 90-60-90 devi fare un poco pure 40-30-30 cioè il 40 per cento di quello che ti mangi deve essere carboidrato, 30 proteine e 30 grassi. A rendere fallimentare questa dieta è evidentemente il basso livello di scolarizzazione del nostro paese.

LA DIETA DISSOCIATA

Perfetta per i bipolari, la dieta dissociata dice che devi mangiare molto tra l’1.00 e le 4.00 e poi riprendere a mangiare non prima di 4 ore. Però non devi mai mangiare proteine e carboidrati assieme. Quindi in sostanza: niente marenna.

LA DIETA SCARSDALE

10 kg in 2 settimane, promette. Prima cosa togli tutti gli zuccheri, poi tutti i carboidrati, indi, muori.

LA DIETA DEL MINESTRONE

Il segreto di questa dieta, ultima perla del nostro bouquet,  è che il minestrone fa veramente schifo. Per una settimana due volte al giorno, poi, fa schifo elevato alla quattordicesima potenza. Si dimagrisce per sfinimento, insomma.

Comunque alla fine dimagrire è facile. Basta solo non mangiare (e naturalmente non seguire nessuna delle indicazioni suddette).

di Sarah Galmuzzi

Comments