HomeEatAmmeceEatAmmece quaEATammece al Cucù

EATammece al Cucù

img_6818

Ci sono paninoteche che trattano solo carne e ristoranti dove puoi ordinare solo piatti a base di pesce.

L'intellettuale Cucù

L’intellettuale

     Poi c’è Cucù ad Aversa che si inserisce prepotentemente nella sottile linea di confine che separa questi due tipi di cucina. Si tratta di una paninoteca gourmet che ha scelto di elevare ed ampliare il concetto di paninoteca inserendo in egual misura nel proprio menù sia carne che pesce.

     Francesco e Sonia credono tantissimo in questo progetto e noi abbiamo voluto metterli alla prova. Le nostre scelte sono ricadute proprio su quei tipi di panini che si trovano difficilmente altrove. Ecco a voi due esempi: il primo è un panino che tante volte ci siamo preparati al volo a casa ma che nessuno aveva ancora pensato di inserire nel menù di una paninoteca…

     L’intellettuale”: panino ai 5 cereali con alici fritte, rucola, pomodoro ramato, salsa tartara e scorzette di limone, il tutto accompagnato da patate a dadini. Poi c’è “Lo Straniero”: anche in questo caso panino ai 5 cereali con pulled pork e colesaw (spalla di maiale cotta a bassa temperatura) e insalata di cavolo bianco e rosso, il tutto accompagnato da patate tagliate a dadini.

Lo straniero Cucù

Lo straniero

     Se vi piace sperimentare e provare sapori nuovi allora questo è il posto che fa per voi!

#eatammece

Cucù
Via Gaetano Andreozzi, 45 Aversa (CE)

Comments

Written by

EATammece è nato a fine Febbraio 2015 mentre mangiavamo un buonissimo panino, in una delle nostre classiche uscite serali. Il nome deriva da un gioco di parole tra il Napoletano e l'Inglese. Significa "buttiamoci a mangiare", ma nell'accezione buona del termine. Non scassammece o abbuffammece, ma mangiamo bene e con criterio. Siamo partiti senza alcun proclamo e ambizione particolare, si trattava semplicemente del diario di due fidanzati a cui piaceva andare a mangiare e ad oggi nulla è cambiato. L'accezione "foodblogger" non la sentiamo veramente nostra come non sentiamo di essere dei guru del food ma siamo semplicemente due persone che stanno coltivando una passione e che piano piano ne stanno scoprendo tecniche e segreti. Le foto che pubblichiamo raccontano dei nostri gusti soggettivi e in quanto tali possono discordare da quelli dei nostri followers. Non è proprio questo il bello, potersi confrontare con migliaia e migliaia di persone con idee e gusti differenti?! La strada intrapresa è quella giusta, proporre sempre qualcosa di nuovo e non focalizzare l'attenzione solo sulla nostra città. In pochi mesi abbiamo reso EATammece un marchio internazionale toccando diverse città qua e là nel mondo e abbiamo grandi progetti per il futuro ... La vita non è fatta di soli like e visualizzazioni, ma di emozioni forti ed esperienze vissute! #eatammece