HomeRicetteAmatorialiFettucce di seppia in zuppetta di ceci di Pomarico su letto di Rossa e Sarconi

Fettucce di seppia in zuppetta di ceci di Pomarico su letto di Rossa e Sarconi

Banner

Riportiamo la Ricetta del Blog Bionutrichef per il concorso IO Chef reperibile anche al seguente link:
http://blog.giallozafferano.it/bionutrichef/fettucce-di-seppia-in-zuppetta-di-ceci-di-pomarico-su-letto-di-rossa-e-sarconi/#comment-3833

C’erano una volta i mestieri antichi, quelli veri, quelli dove ti “sudavi” il pane quotidiano… C’era l’agricoltura e una famiglia che collaborava tutta insieme… c’era la pesca e gli uomini che partivano per pescare la notte e tornare la mattina sperando nella buona sorte. Questo era il mondo che ho potuto conoscere solo attraverso i racconti dei miei nonni originari del sud, soprattutto di quelli paterni che hanno abitato per diverso tempo vicini al confine con la Lucania (anche a me piace più questo termine che Basilicata, non me ne vogliano gli abitanti più moderni).

Ci sono, ancora oggi, questi mestieri ma. Diminuiscono sempre di più coloro che li praticano… e chi ancora ci sta a non perdere il senso del tempo fatica e non poco per stare contemporaneamente dietro al progresso e mantenere la tradizione. Anche perchè ormai sono in pochi a voler o in grado di insegnare questi mestieri, soprattutto la pesca… quella onesta e intelligente, la pesca dell’esperienza.

Tornando alla realtà, grazie al contest “Io Chef” promosso dalla Unione Regionale Cuochi Lucani e dalla Federazione Italiana Cuochi ho potuto scoprire ex novo i sapori della mia terra vicina (sono originaria della provincia salernitana vicina alla Lucania) e immaginare di… correre tra campi di grano Duro Lucano o Senatore Cappelli (che io adoro), friggere Melanzane Rosse di Rotonda in una cucina del tempo e tante altre cose… perchè il sole del Sud ti bacia e ti trasmette amore e calore.

Un piatto unico ricco di sapore e gusto, nutrizionalmente equilibrato e colorato… perchè è questa la dieta mediterranea, patrimonio immateriale dell’umanità e soprattutto nostro. Fettucce di seppia in zuppetta di ceci di Pomarico su letto di Rossa e Sarconi, è la mia proposta per continuare a tramandare i sapori delle nostre terre d’Italia e della nostra terra di Lucania.

Il protocollo (per 2 persone):

2 seppie di media grandezza (già pulite);
100 g di ceci neri di Pomarico;
75 g di fagioli Sarconi IGP;
2 melanzane Rossa di Rotonda DOP;
1,5 L di brodo vegetale (preparato in precedenza) con aggiunta di alga nori;
fette di pane di Matera IGP;
olio extravergine di oliva “Vulture” DOP q.b.;
sale integrale q.b.
La procedura:

Mettere in ammollo (acqua + bicarbonato) i ceci per 48 ore e i fagioli per una notte.
Cuocere i fagioli in acqua e sale fino al loro ammorbidimento; scolare e mettere da parte.
Cuocere i ceci in brodo vegetale aggiungendone un po’ per volta per un tempo complessivo di 2 ore.
Delle seppie eliminare la parte con i tentacoli e la sacca del nero e cercare di eliminare la pellicola a contatto con il connettivo, tagliare a mo’ di fettucce e lavarle sotto acqua corrente.
A mezz’ora dalla fine della cottura dei ceci aggiungere le fettucce di seppia e terminare la cottura; lasciare che il liquido si addensi tenendo la pentola chiusa.
Tagliare a tocchetti le melanzane e sbollentare con poca acqua.
In un mixer frullare le melanzane con un cucchiaino di olio evo e prelevare 4 cucchiaini e mettere da parte.
Frullare il resto delle melanzane con i fagioli precedentemente cotti fino ad avere una crema omogenea.
Versare la crema ottenuta in una padella antiaderente e scaldare a fuoco dolce aggiungendo un paio di cucchiaini di olio evo e aggiustando di sale.
Su una griglia tostare le fette di pane di Matera.
Impiattare preparando il letto con la crema di melanzane e e fagioli e adagiare sopra i ceci con le seppie (aiutarsi con un coppa-pasta) e decorare con qualche cece.
Spalmare sulle fette di pane tostate la crema di sole melanzane (messa da parte in precedenza) e accompagnare con queste il piatto finale.
Buon appetito con i sapori della Lucania.
Vino consigliato: Matera Greco DOC

Inserito da La Redazione

Fettuccine di Seppia

Comments