HomeNotizieManifestazioniLSDMLDSM 2015Heinz Beck e l’essenziale a LSDM.

Heinz Beck e l’essenziale a LSDM.

Heinz-Beck

E siamo tornati su Le Strade Della Mozzarella, e si continua con lo Chef Heinz Beck.
Lo Chef Heinz Beck è nato a Friedrichshafen e nel 1963 ottiene la qualifica di cuoco alla scuola alberghiera di Passau.
Nel 1985 lavora a Monaco per una ditta di catering con una stella Michelin. Nel 1986 è chef de partie al Colombi Hotel di Friburgo.
Nel 1989 è a Monaco per il Tantris, ristorante con tre stelle Michelin.
Dopo alcune esperienze a Berlino, nel 1994 arriva a Roma presso il ristorante “La Pergola” del Rome Cavalieri Waldorf Astoria Hotels & Resorts.
Nel 1996 decide di qualificarsi come sommelier frequentando un corso dell’Associazione Italiana Sommelier di Roma. Due anni dopo si diploma come sommelier professionista.Sotto la sua guida “La Pergola” ottiene dal 2001 le due stelle Michelin, nel 2004 è il migliore ristorante dell’anno per la Guida BMW e dal 2005 ottiene anche la terza stella e cinque forchette Michelin, 19/20 nella guida de L’Espresso, 93/100 in quella del Gambero Rosso, tre stelle del Veronelli.
Oggi ci ha proposto degli Agnolotti ripieni alla Caprese.
Lo Chef ha preso dei pomodorini li ha tagliati in 4 e li ha messi a marinare con aglio, olio e li ha passati allo chinoix creando un’acqua rosea che, in seguito, ha restrinto in un pentolino. Ha farcito gli agnolotti con una crema di basilico congelata con l’azoto liquido li ha sbollentati e a passati nel burro di bufala mette su un piatto nero della mozzarella liofilizzata con sopra la riduzione di passata di pomodorini e su di essa ha posto gli agnolotti.

Il secondo piatto è stato La Melanzana alla bufala
Ha fatto una riduzione di pomodori  che ha posto sul fondo di un  piatto nero con del basilico e sopra vi ha posto le melanzane marinate, gratinate alla polvere gelata di mozzarella e crostini di pane tritati.
Detto così sembra una cosa da niente ma vi posso assicurare che è una cosa molto complicata (soprattutto maneggiare e dosare l’azoto liquido)

di Antonio Catalano

Comments