HomeTestati per voiCarneKipò: un’oasi della buona carne nel nolano

Kipò: un’oasi della buona carne nel nolano

kipò

Una piccola oasi della carne.

     Ecco come definire il Kipò, il locale aperto dal giovane chef mariglianese Francesco Vernace, a Mariglianella, a due passi da Pomigliano d’Arco e Nola.

kipò

     Ambiente tranquillo, con colori chiari e rilassanti, così ci accoglie il Kipò, nome che è una rivisitazione del termine Κρεας, ovvero carne.

kipò

     Tagli pregiati provenienti da tutto il mondo scelti da Francesco con cura per offrire ai suoi clienti solo prodotti di qualità certificata: Black Angus scozzese ed argentino, Kobe Italiano, Picanha brasiliana, Chianina e Manzetta Prussiana, oltre al Maiale nero casertano.

     Carne servita in modo semplice ed essenziale, senza troppi fronzoli ed orpelli, in modo da permettere un assaggio in purezza.

kipò

     Il Kipò permette tuttavia di assaggiare anche antipasti realizzati di volta in volta dallo chef (ottimo l’arancino di riso al tartufo e la millefoglie di zucchine!)  e di primi piatti che rendono l’esperienza del Kipò davvero completa.

kipò

     Menzione particolare per il buonissimo soufflé cioccolato bianco e mela annurca con riduzione di fiano d’avellino e cannella. Ottima la scelta di vini e assolutamente accessibili i prezzi se comparati alla qualità della carne.

     Una piccola realtà quella del Kipò che merita di essere assolutamente provata.

Complimenti a Francesco Vernace e al suo team. Alla prossima!

kipò

Comments

Written by

Di Roberti Enrico (Napoli 24-04.1977) Sono un giovane ( o quasi) avvocato di Marigliano ( ma cresciuto ad Acerra) con la passione della scrittura, dell'enogastronomia e della pizza in particolare. Da ragazzo sono stato vicedirettore del giornale acerrano, il "Tablò" dove mi sono occupato di cultura e politica locale. Nel 2013 apro il mio blog "Pizza Passione Napoletana" con l'intento di far conoscere al pubblico tutto ciò che riguarda la pizza ed i pizzaioli napoletani, con un occhio di riguardo per le pizzerie "di periferia" poco conosciute alla movida del fine settimana.