HomeNotizieFoodnews ed eventiLa Fragolata di Acerno

La Fragolata di Acerno

Fotolia_4290773_L

Luglio, tempo di fragole. Come dite? Sono già finite? Ma da voi!
Ad Acerno il 14 luglio prossimo ce ne saranno ancora talmente tante che ritorna la Fragolata di Acerno anche quest’anno.

Giriamo il Comunicato Stampa dell’Associazione che l’organizza.

La festa della FRAGOLATA DI ACERNO, giunta alla quarta edizione, è già diventato un appuntamento molto atteso per Acerno e per i tanti turisti simpatizzanti della ridente cittadina situata nel cuore del Parco Regionale dei Monti Picentini.
La Fragolata è il principale attrattore turistico per Acerno, un’eccellenza che ogni anno richiama migliaia di turisti che giungono ad Acerno appositamente per assaporarla. E’ una peculiarità che contraddistingue il nostro territorio perché solo ad Acerno, dov’è nata, è possibile degustare la vera fragolata.
Questa edizione ha un gusto diverso per diverse ragioni. Dallo scorso anno infatti, la fragolata di Acerno è stata iscritta nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali rafforzando quindi il legame con Acerno e acquisendo il meritato rilievo a livello Nazionale. Poi abbiamo il gravoso compito di confermare le tante aspettative dopo il successo della passata edizione che ha fatto registrare ad Acerno un boom di presenze.
Confermata l’impostazione di base della festa ovvero quella di generare una certa attenzione verso i prodotti di qualità, i prodotti di nicchia e che necessitano di una certa considerazione politico-culturale per emergere. Ogni anno infatti vengono contattati produttori e artigiani, principalmente della zona dei Monti Picentini, che nelle loro produzioni e realizzazioni si distinguono per qualità e tipicità.
Non solo fragoline ma anche limoni IGP “costa d’amalfi”, un ingrediente fondamentale nella preparazione della fragolata. Abbiamo poi selezionato altri prodotti che nel comprensorio meritano una certa attenzione come il Caciocavallo dei Monti Picentini e il Pecorino di Carmasciano, due esempi di prodotti di nicchia che raccontano la storia, la tradizione e la cultura dei Picentini. Non mancheranno la nocciola di Giffoni, il pecorino bagnolese, le confetture artigianali, vini e oli salernitani e irpini. In totale, la manifestazione conterà oltre 50 espositori.
Anche la presenza e il patrocinio della Coldiretti di Salerno ha un significato ben preciso ovvero quello di sostenere e valorizzare i prodotti cosiddetti “sostenibili”, prodotti che non subiscono particolari processi industriali e prodotti che dalla terra arrivano direttamente sulle nostre tavole a km zero o quasi.
Diversi saranno i presidi Slow Food e le comunità del cibo regionali come i fagioli di Controne, la pera pericina ed altre eccellenze regionali.
La programmazione ludico-ricreativa è ricca d’iniziative e spettacoli che hanno l’obiettivo di rendere piacevole e interessante il soggiorno ad Acerno. Oltre 20 gli spettacoli nell’arco dell’intera giornata e più di 10 gli artisti che si alterneranno lungo le strade interessate dalla manifestazione. Ci sarà la possibilità di effettuare delle emozionanti escursioni in fuoristrada grazie ad esperti accompagnatori che vi faranno vivere e scoprire la natura incontaminata di Acerno e i suoi paesaggi mozzafiato. Spazio soprattutto ai bambini per i quali abbiamo predisposto un’area con giochi gonfiabili, spettacoli, animazione ed un minizoo.
La serata si concluderà con musica e divertimento per i giovani con diversi Dee Jey che si esibiranno fino a tarda notte.
Ulteriore motivo per essere presenti alla manifestazione è per l’iniziativa di solidarietà in favore di DANIELA VITOLO, giovane ragazza di Angri affetta da una rara malattia (Sensibilità Chimica Multipla), per la quale le pasticcerie della Provincia di Salerno prepareranno delle torte la cui vendita servirà a raccogliere fondi in suo favore.
Insomma gli spunti per esserci sono tanti, non fosse altro per assaporare LA VERA FRAGOLATA DI ACERNO COCCOLATI DA UN PIACEVOLE CLIMA MONTANO ED UNA SANA ATMOSFERA DI FESTA.

Il Direttore Artistico
Dott. Ilario Cuozzo

Il Presidente dell’Associazione
Iuliano Antonio

Comments

previous article
next article