HomeTestati per voiDolci e gelatiLa Pastiera dolce di tagliolini mondragonese. La ricetta

La Pastiera dolce di tagliolini mondragonese. La ricetta

Banner

Mondragone è un centro sul litorale Domizio tra Napoli e Roma in provincia di Caserta.
Qui resistono numerose tradizioni in maniera ancora incontaminata.
Quella che vi do è una delle ricette pasquali più antiche.

Pastiera dolce di tagliolini

Ingredienti per 5 pastiere del diametro di 30 cm.
Nr 30 uova freschissime
Kg. 2,5 zucchero
10 bustine vanillina
2 cucchiai di strutto
la buccia grattugiata di 3 limoni medi
2 cucchiai di rum (facoltativo)
un pizzico di cannella
una fiala di aroma millefiori.

Per i tagliolini all’uovo :
5 uova
farina circa 400gr
un pizzico di sale

Procedimento
Setacciate e disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, poi formate un incavo nel centro e rompetevi, una alla volta, le uova che avrete tenuto a temperatura ambiente, aggiungete il sale.
Cominciando dall’interno, mescolate le uova con una forchetta o con un cucchiaio, prendendo man mano la farina dai bordi; lavorate poi con le mani l’impasto dall’esterno verso l’interno, amalgamando tutta la farina che si trova sul piano di lavoro.
Nel caso l’impasto non dovesse raccogliere completamente la farina o risultasse leggermente duro aggiungete uno o due cucchiai di acqua tiepida e continuate a impastare fino a quando non risulterà liscio e compatto .
Avvolgete dunque la pasta ottenuta nella pellicola trasparente e lasciatela riposare per circa 1 ora in un luogo fresco e asciutto.
Stendere la sfoglia e lasciarla asciugare.
Una volta asciugata tagliare i tagliolini (le nostre nonne li tagliano ancora a mano ) e cuocerli in acqua bollente non salata,scolarli lasciandoli molto umidi.
Quando sono ancora caldi aggiungere tutti gli altri ingredienti.
Una volta raffreddato il tutto aggiungere 25 uova battute a parte.
Ungere le teglie (rigorosamente con lo strutto )e versare l’impasto, decorare con strisce di pasta frolla (come se fosse la classica pastiera di grano).
Cuocere a bassa temperatura 160/180 gradi fino a doratura gradita.

di Mario Cardella

Comments