HomeVisitati per voiOsterieL’Osteria senza Oste di Valdobbiadene, un posto per viandanti dove la porta è sempre aperta

L’Osteria senza Oste di Valdobbiadene, un posto per viandanti dove la porta è sempre aperta

Osteriasenzostebanner

Amo le osterie, quelle storiche, quelle in cui si respira aria d’altri tempi, e dove entrando si trova la gente che sorride. In particolare quelle in campagna, dove seduti ad un tavolo di legno si chiacchiera bevendo del buon vino.
Nostalgia? Forse solo voglia di spensieratezza e di semplice vita scandita da ritmi lenti. So per certo che adoro queste atmosfere, le cerco e quando posso le rivivo.
Qualche anno fa grazie ad un amico ne ho scoperta una, un’osteria un po’ diversa, un luogo per viandanti nella ridente Valdobbiadene dove la porta è sempre aperta.
Nata da un’idea di Cesare De Stefani, quest’osteria è senza oste, nel senso che chi entra deve servirsi da solo. Una vecchia casa di campagna con mazzi di pannocchie appese ai muri in cui tutto è predisposto per rifocillarsi autonomamente.
Un luogo in cui si giunge salendo tra le colline di Valdobbiadene, dopo aver parcheggiato l’auto in appositi spazi posti tra i filari dei vigneti.
Sul tavolo sono scritte le indizioni per trovare ciò che serve per prepararsi uno spuntino, sulle mensole è posto il vasellame, nella credenza il pane e quant’altro serva. Naturalmente al fresco si può trovare del buon Prosecco, da bere godendosi panorami mozzafiato.
Un posto per gente onesta che, una volta finito di mangiare, fa da se il conto e mette i soldi in un contenitore predisposto.
Ebbene, qualche giorno fa ho saputo che Cesare De Stefani, l’ideatore di questo progetto, è stato sanzionato per 62 mila euro per attività imprenditoriale in nero relativa all’anno 2008.
Treviso e non solo si sta muovendo per sostenerlo, e per far si che in questa bella realtà per romantici si possa continuare a trovare la porta aperta.
Luca Zaia, Presidente della regione Veneto a proposito della questione ha auspicato l’uso del buon senso, della stessa idea Leonardo Muraro, Presidente della provincia di Treviso.
In Italia si deve imparare a correggere, e non solo a punire.

di Cinzia Tosini
Foto dell’autrice

Comments