HomeNotizieManifestazioniLSDMLDSM 2014LSDM – I fratelli costardi mettono di buon umore. Arriva il riso!

LSDM – I fratelli costardi mettono di buon umore. Arriva il riso!

CostardiBanner

Se sei cresciuto in una risaia hai solo due possibilità. O ami il riso o lo odi!
I fratelli Cristian e Manuel Costardi,  per nostra fortuna lo amano al punto tale da farne l’ingrediente principe della loro cucina con infinite ed inaspettate declinazioni.
A Le Strade della Mozzarella hanno voluto coniugare il riso con le declinazioni della loro fantasia, scegliendo a sorpresa di non adoperare la mozzarella di Bufala ma, bensì, la carne di bufalo.

Ed è così che due fratelli ispirandosi al ramen ne hanno ricreato uno in versione italiana.

Ramen italiano
Spaghetti di riso sbollentati messi in un bicchiere con peperoncino e spezie giapponesi, pepe, buccia di melanzana prima sbollentata e poi fritta e essiccata per richiamare le alghe nori tipiche del sushi.
Con il magro della bufala, poi, hanno fatto delle crocchette poste nel bicchiere assieme a della ricotta di bufala affumicata. Il tutto servito con brodo di bufala.
Personalmente mi sarei aspettato dei sapori più decisi ma con mio sommo stupore era tutto delicatissimo.

E’ stata poi la volta del risotto aglio olio e peperoncino
Riso integrale Carnaroli bollito in acqua. Come burro hanno creato un burro all’olio e aglio con cui mantecano il risotto.
Nel riso non c’è nessun prodotto di bufala ma i fratelli hanno voluto fare un’omaggio a uno dei piatti più mangiati in italia cioè la pasta aglio olio e peperoncino.
Decisamente interessante e gustoso.

Ed infine una proposta dolce.
Cannolo di pasta dolce
I fratelli curano per il salato principalmente il riso ma per il dolce la pasta e ci propongono dei cannoli di pasta ripieni di ricotta di bufala con un pizzico di sale e marmellata di arance amare per creare un contrasto con un dolce che non è del tutto dolce. Molto intrigante e sorprendente quando ci viene svelato che il cannolo che abbiamo mangiato era un pacchero sbollentato e poi fritto.
Ottimo il contrasto e l’amaro non è per niente invasivo.

Un laboratorio davvero interessante che ha soprattutto dimostrato che, a mio parere, si può fare cucina anche con un solo ingrediente attorno al quale costruire, con passione e fantasia, idee e proposte sempre nuove e interessanti.

di Antonio Catalano

Comments