HomeLa pizzaSud - La pizza del sabatoLa Marinara di Nino Pannella

La Marinara di Nino Pannella

marinara nino pannella

Pizza oppure finale di Sanremo? Magari entrambe le cose!

     E quindi per questo sabato vi portiamo direttamente ad Acerra, precisamente al Parco ‘900, dove da pochi mesi il giovanissimo Nino Pannella ha aperto la sua omonima pizzeria. E noi vogliamo parlarvi di una pizza tanto semplice quanto buona: la marinara.

marinara nino pannella

     Ma non una qualsiasi. Sì, perché questa pizza ha permesso a Nino Pannella di aggiudicarsi il primo posto nella categoria “pizza classica” all’International Pizza Expo di Las Vegas. La marinara, così come la margherita, sono da sempre ritenute il biglietto da visita per ogni pizzaiolo che si rispetti. Tanto semplici nei sapori, eppure difficili da sbagliare.

     Basta un eccesso di pomodoro per “bagnare” troppo il disco di pasta e rischiare di sfornare una pizza cruda. L’olio dev’essere giusto, l’aglio deve essere presente in quantità non eccessiva e l’origano fornisce la parte olfattiva ad una capolavoro dell’arte bianca. Veniamo infine al basilico e ad una domanda amletica come “essere o non essere”. Va o non va sulla marinara? Il buon Nino opta per la prima, aggiungendolo a crudo dopo la cottura, insieme ad un ultimo giro di olio extravergine di oliva.

     Insomma, noi ve la consigliamo!

Pizzeria da Nino Pannella
Via Spiniello, 60 – Parco ‘900- Acerra (NA)
081 1955 1304

Comments

Written by

Sono nato a Napoli nel 1991, vissuto da sempre nella piccola Pomigliano d’Arco, in periferia. Non ho grande tradizione gastronomica in famiglia, non ho avuto la classica “nonna napoletana” o altri luoghi comuni in questo senso. La passione per il cibo nasce piuttosto recentemente, in età già adulta, e con spirito da autodidatta. Mi piace cucinare e mi appassiona principalmente la lievitazione. Sono laureato magistrale con eccellente voto finale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici con una tesi di ricerca sul social marketing in campo enogastronomico e caso studio su EXPO 2015. Anche grazie ad un po’ di fortuna sono riuscito a trasformare la passione in lavoro, ed oggi sono orgogliosamente un consulente enogastronomico per la Catalano Consulting.