HomeLa pizzaNord - La pizza della domenicaDa Michele I Condurro a Milano

Da Michele I Condurro a Milano

michelecondurro-900x550

Si è detto tantissimo di Michele, d’un tratto il nome proprio di persona più inflazionato del web.

     La soffiata sull’apertura dei Condurro in Porta Romana è venuta alla luce con lo stesso clamore mediatico di un’indiscrezione di calciomercato, e alcuni magazine generalisti, nella corsa alla pubblicazione, hanno confuso nomi, cognomi e famiglie, tradizioni e generazioni.

     Il Michele Condurro che ha aperto in via Orti qualche giorno fa è il figlio del figlio del fondatore di quel “Michele a Forcella” che ha fatto la storia della pizza nel mondo. Cinquant’anni, sorriso genuino e una disponibilità senza limiti, Michele è al forno con il figlio Raffaele, quarta generazione di maestri pizzaioli che proseguono nel solco del cognome più dibattuto delle ultime ore.

Ma veniamo alla pizza.

     Altro che Margherita e Marinara e basta, qui c’è addirittura una selezione di pizze gourmet. Abbiamo ordinato la classica delle DOP (la “Margherita Condurro”, con fiordilatte, pomodoro San Marzano e basilico) e una “Ombra del Vesuvio”: un letto di pomodorini del Piennolo gialli e rossi, bocconcini di fiordilatte di Agerola e provolone del Monaco.

     La Margherita è squisita, e non c’è altro da dire. Impasto lievitato 30 ore, grande attenzione alla qualità degli ingredienti: il Fior d’Agerola è una garanzia: tagliato alla perfezione, non annega la pizza con tutta quell’inutile acqua. È filante (ma non troppo), gustoso e di grande personalità. Il pelato di pomodoro San Marzano ha un sapore equilibrato, la cottura è eccellente. Una gran bella Margherita per gli standard milanesi, genuinamente “a rota ‘e carretta”, profumata di legna. Porta felicità.

     E invece l’Ombra del Vesuvio non ci è piaciuta. Il provolone era buttato lì, senza un vero motivo. Scaglie di formaggio capitate un po’ per caso. Come mai non erano amalgamate al resto? A tratti, con tutto quel ben di dio, la masticazione regalava attimi di piacere, ma i pomodorini, presi singolarmente, sapevano di acqua. Così i bocconcini di fiordilatte.

     Promossa a pieni voti la Margherita, ma ai debiti formativi la “pizza gourmet”. Che sia colpa del cognome così debordante di tradizione?

Comments

Written by

Ho più di 35 anni, non sono diplomato all’UCLA e non figuro nella lista delle persone più ricche del mondo. Ma ho una vera e propria ossessione per la pizza napoletana. Mi guadagno da vivere con il digital marketing, ma la pancia l’ho “guadagnata” con i carboidrati. Un anno fa ho fondato “Io e Margherita”, il primo account Instagram dedicato esclusivamente alla regina delle pizze (indovinate quale?): per stilare schede, recensioni e pagelle giro per Milano almeno una volta a settimana, forse due, senza posate. Perché ricordate: la pizza va mangiata con le mani.