HomeNotizieFoodnews ed eventiPioggia di medaglie per Cantina La Marchesa

Pioggia di medaglie per Cantina La Marchesa

Cantina La Marchesa

Argento per ‘Il Capriccio della Marchesa’ all’11° Concorso Mondiale Vinicolo ‘Féminalise’
‘Il Melograno’ ottiene ancora riconoscimenti al ‘Mundial du Rosè’ a Cannes
Soddisfazione e voglia di continuare su questa strada per Marika e Sergio Grasso

Cantina La Marchesa

     Lucera (Fg), 27/04/2017 – Pioggia di medaglie per Cantina La Marchesa che, solo nel mese di aprile, riceve due riconoscimenti in importanti concorsi francesi con due vini diversi.

     ‘Il Capriccio della Marchesa’ 2014, Igt Daunia Fiano, si è aggiudicato la medaglia d’argento all’11° Concours Mondial des Vins Féminalise svoltosi il 6 aprile scorso a Beaune, in Francia, nel cuore della capitale vinicola della Borgogna.

     Ben 4550 i vini provenienti da tutto il mondo che sono stati degustati, come sempre accade al ‘Féminalise’, unicamente da donne professioniste in campo enologico o da enofile esperte. Una degustazione fuori dagli schemi, che ha visto quest’anno la presenza di ben 850 degustatrici internazionali.

Cantina La Marchesa

“È stata la prima volta che Cantina La Marchesa ha partecipato a questo concorso, segnalatoci dall’associazione nazionale Le Donne del Vino”, racconta Marika Maggi – fondatrice insieme al marito Sergio Lucio Grasso della Cantina La Marchesa – che continua: “siamo felici di aver ottenuto questo riconoscimento con ‘Il Capriccio della Marchesa’ perché è un vino nato da una sfida. Tutti, infatti, dicevano che in Puglia non si potessero fare vini bianchi di qualità ma, dato che io sono un’amante di vini bianchi da invecchiamento, ho pensato di produrre una tipologia di vino che facesse fermentazione e affinamento in barrique con la pratica del batonnage, tipicamente francese”.

La vittoria di una sfida

     Una medaglia, quella del ‘Féminalise’, che oltre ad essere un riconoscimento internazionale è anche una sfida vinta dalla Cantina La Marchesa e in particolare da Marika Maggi che racconta: “inizialmente neanche mio marito Sergio ha condiviso questa idea, da qui il nome dato al vino ‘Il Capriccio della Marchesa’ che è stato, appunto, un mio capriccio, ma che nel tempo mi ha dato ragione. La prima annata è del 2013, sono state prodotte solo 3200 bottiglie, ed è uscita in occasione dei miei 40 anni”.

Cantina La Marchesa

     Non poteva esserci premio più gradito e più appropriato di quello ottenuto al Concorso ‘Féminalise’ per ‘Il Capriccio della Marchesa’, un vino tutto al femminile. Oltre ad essere nato dall’idea di una donna, ‘Il Capriccio’ porta un’etichetta realizzata da un’altra donna, Arianna Greco, che l’ha dipinta utilizzando il Cacc’è Mmitte de La Marchesa, riprendendo uno scatto realizzato da Claudio Brufola.

     Inoltre ‘Il Capriccio della Marchesa’ 2014 è stato premiato tra le ‘Eccellenze di Puglia’ della Guida ai vini d’Italia 2017 dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier).

Cantina La Marchesa

     Un altro premio importante arriva da Cannes dove, dal 22 al 24 aprile, si è svolta la 14^ edizione de Le Mondial du Rosé organizzata dall’Unione degli enologi francesi. Ad aggiudicarsi l’argento questa volta è stato ‘Il Melograno Igt Daunia Nero di Troia 2016’.

     “Anche questa è una bella soddisfazione per il nostro rosato, che si riconferma all’altezza di concorsi internazionali. Sempre a Cannes, nel 2010, era stato premiato per la prima volta. Questo ci spinge a continuare ad impegnarci con serietà in quello che facciamo e a credere sempre di più nella nostra terra, la Daunia”, afferma Sergio Lucio Grasso della Cantina La Marchesa, nata come viticoltrice nel 1988 e che oggi può contare su 14 ettari di vigneto estesi nel raggio di trecento metri dal centro aziendale.

 

Comments