HomeLa pizzaSud - La pizza del sabatoLa pizza “Sogno di una notte di mezza estate”

La pizza “Sogno di una notte di mezza estate”

Simone de Gregorio

     Simone de Gregorio è il giovanissimo pizzaiolo resident della pizzeria Country House di Carinaro, in provincia di Caserta.

Perché vogliamo segnalarvi la sua pizza?

     Beh, sicuramente per l’estro nel topping di questa bella pizza dal titolo “Sogno di una notte di mezza estate” ma poi anche perché vogliamo approfondire il suo concept di pizza.

     Quella di de Gregorio è una pizza che si discosta, all’aspetto, dalla tradizionale e verace pizza napoletana, dal cornicione basso, poco pronunciato ed un disco pasta che al piatto raggiunge (e molto spesso supera) i 33 cm diventando “rot ‘e carrett”.

pizza de Gregorio

     Qui parliamo di una pizza stile “canotto”, cornicione molto molto alto, alveolatura pronunciata, morso scioglievole ma non troppo e dimensioni lievemente inferiori rispetto ai cm della pizza partenopea. Una “nuova scuola”, questa, che impazza alla grande nel casertano e di cui certamente de Gregorio è precoce ma già convincente esponente.

     A differenza di molti suoi colleghi che hanno sviluppato impasti con farine tenaci a lunghissime lievi-maturazioni (coadiuvate dalla temperatura controllata possibile grazie al frigo) la sfida di de Gregorio sta nella gestione di impasti con farine medio-deboli o deboli, con idratazioni spinte rispetto al grado di assorbimento massimo dello stesso e portate a maturazione a temperatura ambiente, per massimo 24h.

     La sua pizza è farcita con Bufala campana, olio EVO bio prima spremitura a freddo frantoio Corrias, fiori eduli, confetture bio di fragole, lardo di Colonnata e menta dell’orto dello stesso chef del Country House.

Foto tratte dal profilo Facebook personale del pizzaiolo Simone de Gregorio.

Comments

Written by

Sono nato a Napoli nel 1991, vissuto da sempre nella piccola Pomigliano d’Arco, in periferia. Non ho grande tradizione gastronomica in famiglia, non ho avuto la classica “nonna napoletana” o altri luoghi comuni in questo senso. La passione per il cibo nasce piuttosto recentemente, in età già adulta, e con spirito da autodidatta. Mi piace cucinare e mi appassiona principalmente la lievitazione. Sono laureato magistrale con eccellente voto finale in Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici con una tesi di ricerca sul social marketing in campo enogastronomico e caso studio su EXPO 2015. Anche grazie ad un po’ di fortuna sono riuscito a trasformare la passione in lavoro, ed oggi sono orgogliosamente un consulente enogastronomico per la Catalano Consulting.