HomeNotizieManifestazioniPizze e Spicchi per Gambero Rosso 2018

Pizze e Spicchi per Gambero Rosso 2018

gamberorosso-11

Presentata stamattina, 20 settembre 2017 a Napoli, nella location di Palazzo Caracciolo, la Guida del Gambero Rosso “Pizzerie d’Italia 2018”.

gamberorosso-115

Il Gambero sceglie ancora Napoli per la presentazione della guida per sottolineare il legame imprescindibile tra la città partenopea e la pizza, pur riconoscendo premi a pizzerie situate in ogni parte della penisola.

Particolare l’attenzione della Guida al lavoro di valorizzazione delle materie prime dei vari territori italiani.

spicchi5

Alla presenza di un ricco “parterre” di addetti al settore, giornalisti, blogger ma soprattutto pizzaioli, con la magistrale conduzione di Laura Mantovano e del suo staff, sono stati assegnati in primis una serie di premi speciali per categorie diverse, con riconoscimenti attribuiti ai differenti aspetti che oggi caratterizzano il nuovo “concept” di pizzeria e che sempre di più lo avvicinano al mondo dell’alta ristorazione.

A precedere l’assegnazione degli spicchi, la premiazione delle “Pizze dell’anno”

spicchi6

Sono state suddivise a loro volta in categorie con la new entry della “Pizza Dolce” assegnata alla “Crisommola” di Franco Pepe, una innovazione nata dal lavoro di promozione e valorizzazione del territorio che oggi sempre più pizzaioli intraprendono.

spicchi7

La consegna delle “Tre Rotelle” alle pizzerie particolarmente meritevoli ha preceduto la premiazione dei “Tre Spicchi” per la quale tra riconferme eccellenti (vedi i Fratelloni Salvo, sia a Largo Arso che a Piazza Sannazzaro, Pepe, Martucci e Coccia solo per fare qualche nome illustre restando in Campania) e nomi nuovi sparsi per le varie regioni italiane, con grande presenza delle pizzerie del nord tra le premiate.

gamberorosso-207

Tra tutte però spicca l’attribuzione dell’ambito riconoscimento a Salvatore Gatta con la sua pizzeria Fandango  di Filiano (Pz), il primo “tre spicchi” in assoluto della Basilicata.

Comments

Written by

Calabrese, un po' lucana, napoletana per residenza, mamma e moglie per "famiglia", avvocato per l'albo, "cucinatrice" (non ho presunzione di chiamarmi "cuoca") ed assaggiatrice per passione. Mi piace parlare di cibo, cucinato da me, da altri, anche solo visto o annusato. Certamente curiosa.