HomeEatAmmeceEatAmmece làEATammece a New York: “Song e Napule”

EATammece a New York: “Song e Napule”

Margherita Song e Napule

“Una pizza del genere in parecchie pizzerie di Napoli non la mangi”.

     Questo è stato il nostro commento dopo il primo morso alla margherita di Song e Napule a New York. Ingredienti genuini e tipici della cucina Napoletana, impasto morbido e leggero.

img_3363

     Sono bastati solo 7 mesi a Ciro Iovine e sua moglie Austria per affermarsi ed entrare di diritto nella ristretta cerchia di pizzerie, che a New York, valgono la pena di essere provate.

     Un locale molto piccolo ma veramente accogliente situato in uno dei quartieri più frequentati della città, Soho. Ciro ha chiaramente cercato di portare all’interno della sua attività tutto ciò che richiama le sue origini napoletane, partendo dal nome e finendo alla cucina.

     Sì, perché da Song e Napule potete provare, oltre ad una pizza eccezionale come questa stupenda margherita, anche degli squisiti primi piatti.

img_3354

Una delizia per il palato e per gli occhi.

     Abbiamo trascorso una serata stupenda in compagnia di Ciro ed Austria. Oltre due ore in compagnia di persone stupende e molto piacevoli.

     EATammece è sopratutto questo: mangiare, parlare e conoscere persone nuove (anche a New York).

Comments

Written by

EATammece è nato a fine Febbraio 2015 mentre mangiavamo un buonissimo panino, in una delle nostre classiche uscite serali. Il nome deriva da un gioco di parole tra il Napoletano e l'Inglese. Significa "buttiamoci a mangiare", ma nell'accezione buona del termine. Non scassammece o abbuffammece, ma mangiamo bene e con criterio. Siamo partiti senza alcun proclamo e ambizione particolare, si trattava semplicemente del diario di due fidanzati a cui piaceva andare a mangiare e ad oggi nulla è cambiato. L'accezione "foodblogger" non la sentiamo veramente nostra come non sentiamo di essere dei guru del food ma siamo semplicemente due persone che stanno coltivando una passione e che piano piano ne stanno scoprendo tecniche e segreti. Le foto che pubblichiamo raccontano dei nostri gusti soggettivi e in quanto tali possono discordare da quelli dei nostri followers. Non è proprio questo il bello, potersi confrontare con migliaia e migliaia di persone con idee e gusti differenti?! La strada intrapresa è quella giusta, proporre sempre qualcosa di nuovo e non focalizzare l'attenzione solo sulla nostra città. In pochi mesi abbiamo reso EATammece un marchio internazionale toccando diverse città qua e là nel mondo e abbiamo grandi progetti per il futuro ... La vita non è fatta di soli like e visualizzazioni, ma di emozioni forti ed esperienze vissute! #eatammece