HomeVisitati per voiOsterieTre Archi ad Altamura

Tre Archi ad Altamura

tre archi

Tre Archi è nel cuore del centro storico di Altamura a 2 passi dalla cattedrale federiciana.

     Al centro dell’areale vocato alla produzione del frumento, la pizzeria non può che tributare grande rilievo alla cucina mediterranea. Tre Archi

tre archi

     La conduzione, pur essendo rigorosamente familiare, offre il migliore comfort all’ospite sia per tempi di attesa che per efficienza e calore dell’accoglienza del locale, molto ben curato con preziose rifiniture murali opera dello scultore altamurano Vito Maiullari.

     Dotata di una buona  cantina comprendente le variegate espressioni del territorio di Puglia, offre una gastronomia dell’orto quale utile biglietto da visita dei titolari, arricchita da piatti caldi, primo e secondo, oltre che alle numerose varietà di pizze rigorosamente cotte nel forno a legna che ben presenta l’ingresso del locale.

Ottime le pizze  speciali, ad un prezzo medio di 8,00€, mediamente,  cadauna.

tre archi

  • Pomodorini, funghi cardoncelli  e salsiccia di maiale tagliata a punta di coltello
  • Radicchio e stracciatella
  • Provola Affumicata e speck
  • Gorgonzola, noci e pancetta
  • Cardi, provola podolica ed acciughe di Marzamemi
  • oltre alle classiche  della tradizione mediterranea (margherita, marinara, bufala, quattro stagioni).

     Interessante la ricerca delle farine per le pizze della “città del pane” (nomen omen),  che comprendono anche gli impasti ottenuti da farine da mulino a pietra (tutto corpo), oltre alla costante presenza di Mariella con la sua immancabile postazione di lavoro con tavoliere da lavoro e brocca d’acqua, valente collaboratrice di Mina e Peppino, abile nel realizzare estemporaneamente cavatelli, orecchiette strascinate e tagliolini, pronta ad accogliere le richieste dell’ospite che ne volesse esplorare la raffinata  elaborazione della cucina.

tre archi

     Il locale dispone di una adeguato assortimento di bottiglie di olio extravergine accuratamente scelte tra le cultivar del ricchissimo panorama varietale pugliese: coratina, peranzana, cima di Bitonto, cellina di nardo’, leccino, oltre a qualche grande prodotto trans regionale (ortice, casaliva, nocellara).

     Al secondo piano del locale  si trova la “zona lounge” per deliziose soste dopo cena, dove sarà possibile farsi cullare  da finissimo cioccolato, distillati e sigari, da godersi comodamente all’interno della stessa o accolti nella piccola, quanto suggestiva, terrazzina prospiciente ai magnifici campanili della locale cattedrale federiciana intitolata a Santa Maria Assunta.

     Immancabili i rosoli ed il consueto “Padre Peppe”, tutti  artigianali.

Tre Archi
Trattoria – Pizzeria – Take away
Via San Michele 28 – 70022 Altamura (Ba)
Tel. 080 3115569 – Email info@trearchi.it

Chiuso il Mercoledì.
Aperto sia a pranzo che a cena.
Ferie 1 settimana a luglio.

Coperti 80 + 20 esterni  + zona lounge
Prezzi  25/35 € vini esclusi
Carte di credito: tutte

tre archi

Comments

Written by

Nato in Calabria nel marzo del 58 da genitori pugliesi, esercita la professione di Medico Veterinario Igienista (Qualità e Sicurezza Alimentare) presso la ASL BA con mansione di Ispezione e Controllo degli Alimenti di origine animale. E’ Iscritto a SLOW FOOD ITALIA dal 1995 di cui è docente per i corsi MASTER OF FOOD (Formaggi-Carni-Salumi-Olio extravergine), oltre che per l'aggiornamento degli insegannti del MIUR. Fonda nel 2007 l'Associazione "Il Sogno di Arlecchino_Ricerca e tutela della Biodiversità" che candida alla gestione del progetto pilota "CENTRO STUDI PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA' E DEL TURISMO SOSTENIBILE" ed all'utilizzo di terapie "ALTRE" nel contesto del disagio mentale; Sommelier, ha collaborato al progetto editoriale dell'A.I.S. Puglia "Messaggi in Bottiglia" e di Slow Food Editore EXTRAVERGINE . E’ Iscritto dal 2011 all'Albo Nazionale degli Assaggiatori di Olii di Oliva Vergine ed Extravergine. Ha conseguito nel 2007 la laurea in Scienze della Maricoltura ed Igiene dei Prodotti Ittici presso l'Università degli studi di Bari e, nel 2015, il Master in Cultura dell'Alimentazione e delle Tradizioni Enogastronomiche presso la Facoltà di Filosofia, Uniroma 2, di Tor Vergata.