HomeTestati per voiVino e olioUn po’ di poesia. In vitis,vita est!

Un po’ di poesia. In vitis,vita est!

Poesievinobanner

Dalla mia passione e interesse per il vino, a partire dal mito e dalla vite, attraversando la storia fino al calice, ho tratto ispirazione per una raccolta poetica dal titolo “La vite, la vita”.
Ed è così che il buon cibo, ancor più se associato a un buon calice, che nutre il corpo e dà piacere, si può trasformare in metafora, divenire nutrimento anche per l’anima e di questo ho cercato di essere umile testimone.
Lasciatemi dire che nel mio caso, la poesia del cibo è divenuta cibo per la poesia!
Ricordo ancora quando mi capitò tra le mani un libro di Pablo Neruda dedicato proprio al mondo del cibo: un’insolita e originale silloge, POESIE DA MANGIARE, che mi lasciò “un buon sapore” e che consiglio di leggere per chi non ne fosse a conoscenza. Senza alcuna pretesa o velleità di paragonarmi a un tale Maestro, vi lascio ai miei versi e…buona lettura!

L’acino

L’acino
compresso da altri acini
che rigogliosi avvolgono
i semi nello zucchero
a protezione delle loro culle,
lento appassisce e soffoca
sfinito dalla muffa.
Nessun lievito
eleggerà a dimora la sua buccia
né cambierà colore per invaiatura.

La vite cinerea

La vite cinerea non è vinifera
e trova pace inerpicandosi sul tronco
che la conduce al sole
cui essa anela per dare infiorescenze.
Né innesti né speroni
serviranno ad addomesticarla
né la prigione di una pergola
la piegherà a una vita orizzontale.
Sarà additata trattata da malerba
lacerata alle radici pur di essere estirpata.

Vino passito

vorrei poter essere per te
nelle tue nelle mie stagioni
sopravvivere ai soli ricordi
di miele di mare negli occhi
imprimere su carta soglie non varcate
che la penna percorre senza meta
nei tuoi nei miei silenzi.

La speranza, l’illusione

In cantina
si sta spegnendo
l’ultima candela.

È ora di aprir le feritoie
per ossigenarla.

Salvare
la poca cera che rimane.

Questa la speranza
questa l’illusione.

di Liliana Arena

Foto di copertina Azienda Agricola San Carlo (Montalcino)

Comments