Il torrone lo faceva nonno

Torrone

Viveva in una vecchia casa di campagna, di quelle poste su un piccolo poggio, esposta a sud con davanti una “toppia” (pergola) di uva fragola sotto la quale c’era un lungo tavolo fatto di assi grigie per la pioggia e il tempo, come pure le panchine poste ai lati del tavolo.

Per noi bambini che ci facevamo le vacanze estive, quello era un posto incantato

Su quel tavolo , al mattino, portavamo le scodelle di latte caldo e le fette del pane di campagna per la colazione.

A destra c’era” la peschiera” (stagno)che ospitava qualche tinca  e c’era l’orto.

Tra la toppia e la peschiera c’era il pozzo da cui si attingeva acqua fresca e limpida col secchio di zinco poiché non vi era rubinetto nella casa e si beveva direttamente dalla “casurela” detta comunemente “cassa”

La casa era su due piani e al pianterreno, sulla destra , sulla terra battuta c’era la cucina . A sinistra c’era il pollaio, le conigliere, gli attrezzi da lavoro e il fucile .

La cucina aveva un fornello a due fuochi in una nicchia che un tempo era un focolare, un “putagè” che serviva sia per cucinare che per scaldarsi e una credenza scura con due antine sormontate da un lungo cassetto .

Nel cassetto il nonno ci metteva le uova..

Una lunga e diritta scala tra i due locali del pianterreno portava al piano di sopra che aveva altrettante stanze, una a sinistra e una a destra. Quella di sinistra era il deposito del grano, quella di destra la camera da letto

Dietro la casa c’era un albero di mele cotogne e tanti noccioli.

Un breve sentiero portava dal poggio alla strada bianca e dopo qualche centinaia di metri di vedevano le vigne. In verità si vedevano le 4 casette delle api, ormai sbiadite, che un tempo, avevano il colore del cielo.

Quando andavamo nella vigna l’uva era ancora da maturare, ma noi andavamo a raccogliere le peschine bianche, profumatissime  che erano state piantate tra i filari della vite.

Il miele lo accoglieva il nonno, come pure le nocciole.

Le nocciole si tostavano nel putagè prima ancora di sgusciarle. Il profumo delle nocciole tostate è sempre stato,per me, meraviglioso.

Quando il nonno voleva fare il torrone lo sapevamo da qualche giorno….sembrava che meditasse a voce alta le sue intenzioni. Noi ascoltavamo in silenzio, solo i  più piccoli chiedevano sempre: “ Quando?”

“Da si n‘poc”  rispondeva lui.

Poi un giorno ci alzavamo col profumo del miele che cuoceva con le chiare d’uovo imbiancate . Lui rimestava con un cucchiaio di legno.

Facevamo colazione ….e  il nonno rimestava.

“Quando finisce? “

“Nonno è pronto?”

“Ehhh, ai va pasiensa!” rispondeva

“Nonno, ho fame !”

“Ehhh, porta pasiensa” faceva il nonno, divertito.

A noi bambini toccava rompere i gusci delle nocciole con dei sassi. Poi si tenevano i frutti  tra le mani giunte e si strofinava per eliminare la pellicina marrone.

Quando il nonno faceva così fatica a rimestare da alzare la spalla e il braccio che reggeva il cucchiaio di legno, era ora di aggiungere le nocciole e di togliere il tegame dal putagè.

Poi rovesciava l’impasto sul marmo del tavolo che prima era stato oliato e poi lo livellava.

Il torrone era pronto, per la gioia dei nostri occhi e palati.

Lo fanno i vecchi il torrone !

…Ci vuole pazienza! Ecco perché ora lo faccio io.

Bisogna mescolare a fuoco basso. Il bianco non deve granulare e deve montare.

 

Torrone

Preparazione10 min
Cottura2 h
Tempo totale2 h 10 min
Portata: dolce
Cucina: italiana
Keyword: Mandorle, Torrone
Servings: 4

Ingredients

300g di nocciole o  mandorle

    4 albumi

      400g di miele

        buccia di limone non trattato

          Instructions

          • - Scottare in acqua bollente 300g di nocciole o mandorle, spellarle e farle tostare a fuoco bassissimo in un pentolino senza acqua o grassi. (io le ho tostate al microonde, piatto crisp 7 minuti circa girandole a metà tostatura)
            - Versare in una casseruola 4 etti di miele. Montare 4 albumi a neve ben ferma e aggiungerli al miele. Mettere sul fuoco bassissimo e rimestare per 2 ore, finchè diventa faticoso perchè l’impasto si fa sempre più denso. (decidete a questo punto se preferite un torrone più morbido o più duro)
            - Aggiungere le nocciole o le mandorle dimezzate e un cucchiaino di buccia di limone.
            - Foderare un vassoio di carta forno , versare l’impasto alto un dito e dividere in pezzi.

          Comments are closed.