Oxford, tassa sulla carne rossa per compensare costi malattie

Carne

Meat tax per sostenere spese per 285 miliardi dollari l’anno

Come nell’ esternazione del Monsier De Lapalisse, ecco il pensiero piallato di menti inadatte al raziocinio.

Essi’, proprio di questo si tratta, e non per fare polemica ad ogni costo; per fronteggiare le spese necessarie a curare le malattie che una dieta smodata a base di alimenti carnei potrebbe innescare, il deterrente messo a punto acchè questo non   accada è quello di aumentare il prezzo al consumo di tale tipologia di alimenti al fine di scoraggiarne i consumi.

Il ragionamento non farebbe una piega se la soluzione fosse in qualche modo rispettosa di tutte le categorie di persone che utilizzano una dita onnivora o se, come per la sugar tax, si trasformasse in un reale dissuasore di consumi aberranti come appunto quello dello  zucchero bianco palese ed occulto, olte a quello presente in bibite gasate e affini.

Trattasi, in verità, di un provvedimento unilaterale che non consente di diversificare  le varie fasce della popolazione di consumatori, se abituate o meno  ad un regime alimentare suicida o se, come nel caso del profilo alimentare  mediterraneo, consueti consumatori  di carni bianche e carni rosse con discrezione.

Di tali attacchi al consumo di  carne, inteso come alimento imprescindibile dalla nostra dieta per tutta una serie di fattori nutrizionali che inderogabilmente sono necessari al nostro organismo, ne abbiamo in quantità,  pur se va riconosciuto che una piccola quota vicariante di nutrienti essenziali li si potrebbe  attingere anche, e in parte, dal mondo vegetale.

Noto è che la dieta di ciascuno di noi  dovrebbe contemplare alimenti si, in prevalenza vegetale, con  verdure crude, legumi e frutta secca in primis, ma anche porzioni limitate, da inserire costantemente nel proprio protocollo alimentare settimanale, di  alimenti di origine animale delle cui proteine ben conosciamo il ruolo strategico nel saper offrire al nostro corpo aminoacidi essenziali, oltre che essere fonte, come nel caso dell’uovo di gallina, di proteine il cui valore biologico è pari a 100.

Proprio di questi parametri oggettivi  bisognerebbe parlare  prima di assumere comportamenti oltranzistici a favore o a danno di un protocollo alimentare.

Per restare in un ambito nutrizionale, le qualità  di qualunque proteina possono essere titolate ricorrendo ad  un sistema di classificazione che comprenda alcune variabili, una su tutte è quella rappresentata dal Valore Biologico* che queste possono esprimere, cioè quell’ indicatore che rappresenta la quantità di azoto da queste apportano, e che  verrà effettivamente utilizzato dal nostro organismo.

Una proteina ha il valore del 100% quando tutto l’azoto in essa contenuto è assorbito per motivi plastici e funzionali dal nostro organismo.

Tanto per essere precisi ne riporto la definizione:

Il valore biologico (VB) è un parametro di valutazione delle proteine plastiche introdotte nell’organismo con l’alimentazione. Questo indice, che si esprime con un valore numerico, si riferisce alla quantità, alla qualità ed al rapporto reciproco degli amminoacidi essenziali presenti nei peptidi alimentari”. 

Dunque cosa significherebbe ciò, se non delineare il meraviglioso ruolo strutturante – edificante che “valore-biologico”, appunto, esprime**??? Cioè quella “qualità proteica”, con  potenziale plastico rigenerativo degli amminoacidi contenuti negli alimenti, di cui gli alimenti di origine animale (con carne e pesce ed uova in testa), sarebbero fonte insostituibile?

A che scopo, dunque,  incutere nel consumatore uno stato di terrore alimentare, quasi una angosciante monito alla rassegnazione come un binario di sola andata verso un suicidio imminente, se invece non vi sono evidenze scientifiche ne controindicazioni che debbano giustificare un abbandono della introduzione moderata di proteine della carne con la dieta settimanale?

Ed infine, per dirla tutta, una dieta esclusivamente vegetariana, anche se sufficiente dal punto di vista del bilanciamento  proteico, potrebbe risultare carente di nutrienti importantissimi, vitaminici e minerali (vitamine B12-minerali come iodio, ferro e calcio, e acidi grassi essenziali), oltre a generare un falso messaggio salutistico incarnato dall’idea dell’aver fatto un grande dono a se stessi consumando pane pasta e cerali che, di fatto, non vengono controllati ed analizzati per la presenza di DON , OTA, Aflatossina M1.

Vedi qui

A tal proposito attendiamo con forte spirito critico, in ragione dello specchietto che segue (dal quale si comprende la pesante anomalia che assegna a regioni italiane sprovviste di industrie molitori ben 30 campioni sul frumento tenero e duro, ne assegna 0 a Puglia e Sicilia che, al contrario , ne sono ricche), le risultanze che nell’imminente il Ministero della salute dovrà pubblicare sul monitoraggio 2016/2018.

Vedi qui ****

Concludiamo riportando che nel settembre scorso l’assemblea dell’Onu (su pressione anche dell’Italia),  ha approvato per nostra buona sorte un documento in cui afferma che non esistono “cibi sani o insalubri”, ma “diete sane o insalubri”.

Ci sembra ancora una volta palese la forzatura, un sorta di  regia occulta a favore dell’industria pastaia,  confortati dalla condivisione che lo stesso giornale “Onu Italia**” riconosce, nel riportare tale concetto piu’ che legittimo, e  che la comunità scientifica ha fatto proprio circa la disputa salubrità – insalubrità.

Che dire in più?

Si sentano pertanto autorizzati  i consumatori, per tutto quanto detto,  autorizzati a mangiare la carne, italiana se possibile , la piu’ controllata del mondo sia per contaminanti microbiologici che chimici, oggetto di vigilanza sanitaria permanente da parte delle AASSLL,  dalla produzione primaria (Area C dei Servizi Veterinari), fino alla manipolazione, confezionamento e commercializzazione sino al singolo hamburger o polpetta (Area B) ,  ottenuti da allevamenti liberi da pericolose antropozonosi (Area A), liberandosi così dalla “sindrome di Stoccolma”***** che autorevoli sostenitori del bilancino delle kilocalorie propongono quotidianamente entrando nelle nostre case.

Mangiatene tutti, mangiatene meno, mangiatela meglio, che sia bianca,  rossa, di equide, di ovino, suino e caprini, un po meno la carne bovina, ma che la  si mangi serenamente e tranquillamente, preferendo le carni di animali allevati in regime di benessere e alimentati nel modo più naturale possibile, ricordando a tutti, come Mitridate Eupatore***  e Parcelso ci insegnano, che è la dose a fare il veleno.

Fonte proteica Valore biologico
UOVA 100
LATTE 91
CARNE BOVINA 80
PESCE 78
PROTEINE DELLA SOIA 74
RISO 59
GRANO 54
ARACHIDI 43
FAGIOLI SECCHI 34
PATATA 34

(schema tratto da vedi qui)

*VALORE BIOLOGICO (VB o BV): rappresenta la quantità di azoto effettivamente assorbito ed  utilizzato al netto delle perdite urinarie, fecali, cutanee ecc. Una proteina che possiede un perfetto equilibrio tra aminoacidi assorbiti e tra amminoacidi ritenuti ha un valore biologico di 100. La proteina di riferimento è quella dell’uovo che presenta un VB pari al 100%.

**Vedi qui

***mitridatismo s. m. [dal nome del re Mitridate (v. la voce prec.) che, secondo la leggenda, sarebbe divenuto refrattario all’azione dei veleni ingerendone dosi progressivamente crescenti

****dal quale apprendiamo con meraviglia che la ripartizione dei campioni tra le varie regioni italiane, prevede:

PIEMONTE 10 campioni Deossinivalenolo in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

UMBRIA 10 campioni Deossinivalenolo in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

TOSCANA 10 campioni Deossinivalenolo in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

VENETO 10 campioni Deossinivalenolo in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

PUGLIA (patria del pane e prima base di scarico dei mercantili transoceanci che importano il grano estero, quello che secondo qualche originale sarebbe il migliore per la produzione di pasta) 0 campioni in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

SICILIA  (anch’essa  patria del pane e seconda base di scarico dei mercantili transoceanci che importano il grano estero, quello che secondo qualche originale sarebbe il migliore per la produzione di pasta) 0 campioni in prodotti trasformati a base di grano tenero e duro)

Leggiamo inoltre nella Relazione annuale al PNI 2014 (LNR 2014), il seguente commento:

“Altre criticità sono rappresentate dalla impossibilità di acquistare omogeneizzatori da utilizzare su grande scala, creando quindi notevoli difficoltà finora superate nel condurre le prove di omogeneità e di stabilità delle micotossine.

Inoltre, la manutenzione delle apparecchiature (HPLC, spettrometro di massa) necessarie per la messa a punto dei metodi e dello svolgimento delle prove interlaboratorio sia richieste dall’EU-RL sia da quelle organizzate dall’LNR Micotossine, dovrebbe essere finanziariamente sostenuta in modo adeguato”.

*****La sindrome di Stoccolma è un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di episodi di violenza fisica, verbale o psicologica.

 

michele polignieri

Nato in Calabria nel marzo del 58 da genitori pugliesi, esercita la professione di Medico Veterinario Igienista (Qualità e Sicurezza Alimentare) presso la ASL BARI come Dirigente Medico Veterinario Area Ispezione e Controllo degli Alimenti di Origine Animale. Laureatosi in Medicina Veterinaria nel 1985,  consegue la seconda Laurea in Scienze della Maricoltura ed Igiene dei Prodotti Ittici presso l’UNIBA nel 2007. Esercita per quanto previsto per i medici e veterinari del Servizio Sanitario Nazionale, la libera professione intra moenia ad Altamura a favore di animali d’affezione.  Si occupa da sempre di produzione agro alimentare, è stato curatore/relatore per corsi sui formaggi, sulle carni e  salumi, oltre  referente regionale in Puglia, dal 2007 al 2014, del progetto educativo e di formazione per i docenti del MIUR “Orto in Condotta”. Fonda nel 2007 l’Associazione “Il Sogno di Arlecchino_Ricerca e tutela della Biodiversità” che candida alla gestione del progetto pilota “CENTRO STUDI PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ E DEL TURISMO SOSTENIBILE” ed all’utilizzo di terapie “altre” nel contesto del disagio mentale. Sommelier con diploma AIS , ha collaborato al progetto editoriale dell’A.I.S. Puglia “Messaggi in Bottiglia” e di Slow Food Editore “Extravergine”. E’ Iscritto dal 2011, presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, all’Albo Nazionale degli Assaggiatori di Olii di Oliva Vergine ed Extravergine ed è   membro effettivo del Gruppo Panel di assaggio olio DOP Terre di Bari, presso la Camera di Commercio di Bari.  Impegna la propria competenza istituzionale, per declinare al meglio le tematiche inerenti la produzione agro zootecnica e la valorizzazione dei prodotti di qualità sanitaria, etica e nutrizionale anche in attività extra professionali, attraverso l’organizzazione in ambito Universitario di eventi a carattere scientifico e di aggiornamento professionale; nel 2015 consegue il Master Universitario in Cultura dell’Alimentazione e delle Tradizioni eno gastronomiche, presso l’Università degli Studi UNIROMA 2 di Tor Vergata.Ha governato la Condotta Slow Food delle Murge dal 2010 al 2018

Comments are closed.