Bistrò REI – un fremito in provincia

bistro rei

Negli ultimi anni, in provincia di Napoli vi è un proliferare di nuove attività che però sono quasi sempre pizzerie o pub/paninoteche. Novità vere sempre più rare soprattutto nell’ambito della ristorazione “pura”.

Chef Gennaro Pagano, dopo aver maturato esperienza per 12 anni all’estero e aver perfezionato la gavetta in attività locali, torna nella sua terra e nel Settembre scorso apre la sua “Bistrò REI”. Un locale dal gusto milanese, con circa 40 posti a sedere. Menu agile e concreto. 4 primi e 4 secondi, per cominciare. Più qualche divertissement nella categoria “antipasti”. Carta dei vini molto essenziale e a chiara vocazione locale e giusto qualche birra.

A quasi un mese dall’inaugurazione mi reco a pranzo per una prima prova.

bistrò rei

Si inizia subito con un tocco goloso: polpettina di melanzane con ketchup di pomodoro del piennolo azienda L’oro del Vesuvio e yogurt. In un morso, quasi due si gode di un piacere intenso. Metà carne e metà melanzane la proporzione, cremosità spinta grazie allo yogurt e la nota del ketchup la pone come un “ricordo di parmigiana”.

bistro rei

Si procede con una portata gentile: carpaccio di manzo, riduzione di frutto della passione, misticanza, olio evo e mandorle. La freschezza della carne è sostenuta dalla nota fruttata, l’olio aumenta il piacere dell’esperienza e la mandorla dona croccantezza al morso. Un piatto che va via in pochi minuti.

Un particolare che colpisce positivamente è il pane. Nelle varie realtà sempre un aspetto troppo trascurato. Qui si fa una scelta di qualità affidandosi ad un’istituzione locale il panificio Viola.

bistro rei

Un pane “cafone”, crosta croccante e mollica morbida e profumata. “Chiama” la scarpetta anche se c’è poco e niente da intingere ma vado lo stesso.

Segue una portata tanto semplice quanto intensa.

bistro rei

Tartare di scottona, stracciata di bufala, misticanza e coulis di fichi d’India. La carne cruda esplode in tutta la sua essenza, rinfrescata dalla componente lattica. La leggera sapidità è bilanciata dalla riduzione di quelle che qui chiamiamo “figurine”. Non c’è una nota prevalente, un sapore dominante. Un piatto equilibrato e giusto.

A menu non è presente, ma avendolo assaggiato nella precedente esperienza lavorativa gli chiedo un fuori menu:

bistro rei

Risotto barbabietola, provolone del monaco e liquirizia. Mantecato ottimamente, cottura al dente. Il chicco resta fragrante, senza sfaldarsi. Il provolone utilizzato ha una stagionatura media che a riduzione ottenuta gli fa perdere la leggera sapidità mantenendo la nota dolce prevalente. Sentori di burro fuso ammantano il morso. Quando sovviene la liquirizia vi è una sterzata verso note amare. Una gioia per il palato che si trova protagonista di estremi che confluiscono nell’incredibile equilibrio del piatto. L’ho amato sin dal primo assaggio e che ho apprezzato ancor di più a distanza di mesi.

Le mie papille avevano trovato già piena soddisfazione e decido di concludere qui il mio pranzo, ma lo spazio per un dolce c’è sempre:

bistro rei

Cheesecake homemade frutti di bosco e cioccolato bianco. Buona, buonissima! Degna di un prodotto di pasticceria. La componente di cioccolato bianco, perfettamente dosata dona un quid ulteriore, il burro al posto del mascarpone crea ad ogni morso l’esigenza di un successivo. Un fine pasto strepitoso.

Una realtà nuova, giovane. Dove il coraggio di un “figlio del Vesuvio” che torna a casa deve “scontrarsi” inevitabilmente con le esigenze di un pubblico che deve ancora abituarsi a certi estrosismi, ecco perché il menu è molto semplice e “piacione”. Ma sono convinto che Gennaro, superate le asprezze e le difficoltà di questi primi periodi, riuscirà ad imporsi e a trovare il conforto di un pubblico che una volta provato non esita a ritornare.

Ad maiora!

Bistrò REI – via Nuova Saviano, 19 – San Gennaro Vesuviano (Napoli)

Tel: 0814617739

Prenotazioni:

Parcheggio: In strada

Orari: Lunedì – Domenica 12.30-15 20-24

FACEBOOK (QUI)

INSTAGRAM (QUI)

Comments are closed.