Crostoli (chiacchiere) golosi con cioccolato

Crostoli o chiacchiere,  purché siano golose.  Carnevale guarisce ogni male, diceva così un antico proverbio. Il Maestro della Scuola del Cioccolato Perugina, Alberto Farinelli, ci propone le Chiacchiere Golose, con cioccolato Perugina GranBlocco Fondente Extra 50%, non solo come decorazione, ma anche come cremosa salsa nella quale intingere la friabile sfoglia. Ecco che sarà un vero e proprio tripudio di cioccolato che “filerà” sulle chiacchiere e dalle chiacchiere, come la gioia di tantissime e colorate stelle filanti che volano in aria.

Chiacchiere di Carnevale

Portata dolce
Porzioni 35 pezzi

Ingredienti
  

  • 300 gr farina 00
  • 8 gr lievito per dolci 1/2 bustina
  • 50 gr zucchero
  • 40 gr burro temperatura ambiente
  • 1/2 bacca vaniglia
  • 35 gr rum – grappa o latte
  • 1/2 buccia di limone
  • pizzico sale
  • olio di semi per friggere
  • 150 gr Cioccolata Perugina granblocco fondente extra 50% Per la glassa
  • 150 gr Cioccolata Perugina granblocco fondente extra 50% per la crema al cioccolato
  • 100 gr latte intero
  • 15 gr burro

Istruzioni
 

  • PREPARAZIONE DELLA SFOGLIA E FRITTURA
    1. In una ciotola capiente setacciate la farina e il lievito, poi aggiungete lo zucchero, il burro a temperatura ambiente (almeno 30 minuti fuori dal frigo), le uova, la vaniglia il rum, la buccia del limone, un pizzico di sale e iniziate a impastare. 2. Lavorate fino a ottenere un composto liscio e omogeneo, dategli una forma sferica e avvolgetelo con della pellicola.3. Fate riposare l’impasto a temperatura ambiente per circa 30 minuti.
    4. Una volta trascorso tempo il tempo di riposo, dividete l’impasto in tre parti uguali, questo passaggio vi faciliterà la stesura.
    5. Prendete la prima porzione, infarinate il piano di lavoro e con il mattarello stendetela sottile circa 2-3 mm dandogli una forma rettangolare e lasciate riposare per qualche secondo.
    Per una sfoglia più croccante e favorire la formazione di bolle durante la cottura, prima di stendere per il taglio, ripiegatela su se stessa (a portafoglio), lasciate riposare qualche secondo e ripetete l’operazione (stendere nuovamente ripiegare a portafoglio) per altre due volte.6, A questo punto prendete una rotella tagliapasta dentata e rifilate la sfoglia formando dei rettangoli di circa 12 x 5 cm. Disponete i rettangoli su taglieri o piatti da portata leggermente infarinati e distanziati tra loro affinché non si attacchino. Ripetete la stessa operazione con il resto della sfoglia.
    1. In una pentola scaldate l’olio fino a circa 170 -175 °C.
    2. Raggiunta la temperatura, friggete le chiacchiere girandole più volte fino a raggiungere la doratura su entrambi i lati, scolatele e appoggiatele su carta assorbente da cucina a raffreddare.
    COTTURA GLASSA
    Sciogliete a bagnomaria o al microonde Perugina® GranBlocco Fondente Extra 50%, lasciate raffreddare il cioccolato fino a circa 31°C, mescolate bene, dopodiché versate il cioccolato in una sac a poche e glassate con decorazioni a vostro piacere. Spolverate di zucchero a velo prima o dopo la decorazione.
    CREMA AL CIOCCOLATO PER INTINGERE LE CHIACCHIERE
    Non resta che preparare la golosa crema al cioccolato fondente dentro cui tuffare le chiacchiere.  Bisognerà quindi scaldare del latte per poi versarsi all’interno il cioccolato Perugina GranBlocco Fondente Extra 50% fatto a pezzetti e facilissimo da sciogliere, e del burro, mescolando fino a completa fusione. Il tocco finale sarà la decorazione delle chiacchiere, sempre con un tocco di cioccolato, attraverso una sac a poche, disegnando decorazioni a piacere secondo la creatività di ognuno.
    1. Sminuzzate a pezzi piccoli Perugina® GranBlocco Fondente Extra 50%.
    2. In un pentolino scaldate il latte fino a leggero bollore, toglietelo quindi dal fornello e versate nel pentolino il cioccolato, mescolando fino a completo scioglimento.
    3. Aggiungete il burro a temperatura ambiente e mescolate di nuovo.
    4. Versate la crema nelle coppette e servite tiepida o a temperatura ambiente.
    Per mantenere la salsa al cioccolato cremosa a lungo senza che si rapprenda, il trucco è quello di aggiungere  il latte ma anche una piccola noce di burro.
    Consigli
    Si può variare la cremosità aggiungendo o diminuendo la quantità di latte in base ai propri gusti personali.
    Per un tocco di originalità potete aromatizzare la salsa cremosa aggiungendo direttamente in tazza un pizzico di spezie come cannella, zenzero o  gocce di cioccolato bianche .
    Per ottenere un cioccolato lucido e croccante ottimale per la glassatura delle chiacchiere potete provare il “temperaggio da Maestro”. Muniti di un termometro da cucina, fate fondere il cioccolato a 45 gradi, poi raffreddatelo fino a 28 gradi e nuovamente scaldatelo leggermente fino a circa 31 gradi, mescolando sempre energicamente durante le varie fasi. Il cioccolato così “temperato” è pronto per realizzare tutte le vostre decorazioni.
    La temperatura dell’olio è molto importante e deve essere fra i 170-175 °C per ottenere chiacchiere leggere e croccanti con un bel colore dorato (tempo di cottura dai 3 ai 5 minuti circa). Una temperatura troppo bassa favorisce l’assorbimento dell’olio mentre una temperatura troppo alta degrada velocemente l’olio e brucia all’esterno il prodotto.
    Questa ricetta si adatta perfettamente anche per la cottura al forno, posizionate le chiacchiere su una teglia e cuocete in forno già caldo a 185 °C per circa 10 minuti.
Romanutti

Friulana di nascita, triestina di adozione. Quanto basta per conoscere da vicino la realtà di una regione dal nome doppio, Friuli e Venezia Giulia. Di un’età tale da poter considerare la cucina della memoria come la cucina concreta della sua infanzia, ma curiosa quanto basta per lasciarsi affascinare da tutte le nuove proposte gourmettare. Studi di
filosofia e di storia l’hanno spinta all’approfondimento e della divulgazione. Lettrice accanita quanto basta da scoprire nei libri la seduzione di piatti e ricette. Infine ha deciso di fare un giornale che racconti quello che a lei piacerebbe leggere. Così è nato q.b. Quanto basta, appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating