Drink: For Your Eyes Only

Gian Maria Ciardulli, bar manager del Donna di Cuori di Cecina (Livorno) ci propone un twist sul classico Negroni, ispira a Risiko, un racconto dalla raccolta “Solo per i tuoi occhi” di Ian Fleming, datata 1961, incentrata sul personaggio di James Bond. Nel racconto Risiko l’agente segreto di Sua Maestà si trova in missione a Roma e all’Hotel Excelsior di Via Veneto ordina il suo primo Negroni. Nello stesso albergo, qualche anno prima, il barman Giovanni Raimondo aveva creato il Cardinale, prima rivisitazione romana del Negroni, in chiave più secca.

Il drink di Ciardulli è un omaggio alla sua città, Roma e alla sua internazionalità. Grazie all’uso del Seven Hills Italian Dry Gin, con le sue sette botaniche – tra cui sedano, camomilla, carciofo e melograno – il cocktail ‘For your eyes only’ diventa un Negroni dal gusto più secco e pungente, come lo ordinerebbe James Bond tra un Martini e l’altro, durante la pausa di una missione!

INGREDIENTI


4,5 cl Seven Hills Italian Dry Gin
3 cl sherry fino
1,5 cl Liquore Genziana Borsi
1,5 cl Amaro Alpestre
3 spray Essentia blend N.4 Podere Santa Bianca
3 dash lemon bitters

PREPARAZIONE


Il drink si prepara con la tecnica rolling. Versare il Seven Hills Italian Dry Gin e tutti gli altri ingredienti nella parte più piccola di uno shaker a due pezzi, quindi versare il composto nella metà più grande, precedentemente riempita di ghiaccio. Con un colino, fare scivolare il tutto tra le due parti dello shaker per cinque volte. Versare in una coppa vintage e decorare con del sedano.

Romanutti

Friulana di nascita, triestina di adozione. Quanto basta per conoscere da vicino la realtà di una regione dal nome doppio, Friuli e Venezia Giulia. Di un’età tale da poter considerare la cucina della memoria come la cucina concreta della sua infanzia, ma curiosa quanto basta per lasciarsi affascinare da tutte le nuove proposte gourmettare. Studi di
filosofia e di storia l’hanno spinta all’approfondimento e della divulgazione. Lettrice accanita quanto basta da scoprire nei libri la seduzione di piatti e ricette. Infine ha deciso di fare un giornale che racconti quello che a lei piacerebbe leggere. Così è nato q.b. Quanto basta, appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *