Félla: quando la pizzetta si fa bella

Fèlla

Negli ultimi tempi anche noi campani stiamo subendo la fascinazione della pizza in teglia, quella da panificio. Il fenomeno Bonci, re della scena romana e tra i maggiorenti a livello nazionale ha contribuito a creare curiosità prima e interesse poi per una pizza pratica, veloce che non si deve consumare necessariamente calda o subito come una napoletana, ma la si può portar via e consumare in strada o riscaldarla poi.

Una via di mezzo, tra la romana croccante e la “morbida” versione da panificio è quella da rosticceria, un settore sempre vivo e in continuo aggiornamento.

In questo segmento si pone la nuovissima Félla a s.Anastasia (NA), una rosticceria contemporanea come l’ha definita il proprietario Giuseppe Granata. Offrire un prodotto moderno, che significa innanzitutto di qualità la mission.

A partire dalle materie prime, impasti ad alta idratazione dal 72 al 90% con lievitazione che va dalle 24 alle 72 ore per una cottura in teglia.

Fèlla

La mia visita è avvenuta in Agosto, Domenica primissima serata. Periodo di ferie, la produzione è stata limitata per forza di cose. Non mi è stato possibile saggiare i vari impasti (multicereali, integrale ecc.) ma ho avuto comunque la possibilità di farmi un’idea.

Ho cominciato provando un paio di pezzi dell’offerta dei fritti:

Frittatina alla Bolognese: non la classica frittatina a cui siamo abituati. Di forma tondeggiante e con una panatura decisamente croccante accoglie al suo interno delle meravigliose fettuccine alla bolognese. Succulente, gustose, non sapide. Equilibrio perfetto. Un omaggio che Giuseppe fa del suo piatto preferito dandogli la veste di finger food.

Fèlla

Crocchè: uno dei capisaldi della rosticceria. Panatura lieve, patate saporite e lievemente profumate. Un po’ di olio in eccesso, la mozzarella all’interno purtroppo non s’è fusa. Un prodotto buono, che però nel confronto con la frittatina ne esce sconfitto.

Ero venuto dopo un minimo di “studio” attraverso i canali social. Giuseppe ha un passato da comunicatore e devo dire che fa una bella campagna social. La foto della Nerano era un qualcosa di sconvolgente e non nego che sono venuto innanzitutto per lei.

Le immagini non mentivano, quando esce è così. Bella, bellissima come una giovane donna in abito da sera al cui tutti gli uomini volgono lo sguardo.

Fèlla

Fèlla

I più smaliziati sanno che il pezzo migliore è l’angolo.

A discapito di un po’ di condimento in meno si gode di più dell’impasto che trova il punto apicale nel cornicione. Massima croccantezza finale e parossismo del gusto a completamento di un godimento iniziato al primo morso. Le zucchine tagliate piuttosto spesse, ben fritte, corpose. La riduzione di zucchine da commozione. Una pizzetta da lacrimoni di gioia, golosità che è un’overdose di endorfine. Mangi e sorridi, potere della pizza.

La proposta prevede anche gusti schietti e decisi come la salsiccia e peperoni e la porchetta e patate:

Fèlla

Il condimento non è mai lesinato:

Fèlla

La qualità dei topping è davvero elevata, non si usano prodotti dozzinali.

Dal classico si passa al “gourmet”.

Fèlla

All’irruenza della porchetta, risponde la fresca croccantezza della scarola, morso “sgrassato” dalle zeste di limone che danno un profumo ed una nota estiva piacevolissima. Questa in particolare è al momento la più “studiata” dell’intera offerta. Un trancio che accoglie in egual misura i vari componenti, trovando un sunto al morso che non vede nessun elemento spiccare sugli altri ma una perfetta sinfonia di sapori.

Dunque com’è Félla? Una bella realtà. Un prodotto giovane (Félla in inglese ragazzo, oltre che significare fetta in dialetto) nella migliore accezione possibile, che fa della scelta del buono il tratto distintivo.

Un paio di tranci e si è a posto, praticamente. Rapidità e cordialità del servizio rendono l’esperienza davvero piacevole oltre che economicamente in linea col prodotto offerto.

Veniteci e chiedete una Nerano.

Félla – corso Umberto I , 87 – 80048 – S.Anastasia (Napoli)

Comments are closed.