Il caviale e le sue varietà più economiche, un condimento ideale per i palati più raffinati

caviale

Pregiato, ricercato, alimento di gran lusso è il caviale che oggi arriva a costare fino ad 8mila euro al chilo.

In pochi possono permettersi una tartina al caviale, molte però sono le alternative più economiche che si trovano facilmente in commercio.

Io le consiglio spesso ai miei pazienti per variare la dieta e soprattutto come “trucchetto” per preparare un aperitivo light con gli amici.

Il caviale (dal persiano “pesce generatore di uomini”) è formato dalle uova prodotte di uno dei più grandi pesci d’acqua dolce e salmastra diffusi in Europa, lo storione.

Il caviale per eccellenza proviene dalla Russia dove fin dall’epoca degli zar veniva donato come omaggio alla guardia cosacca ogni fine inverno.

Cibo pregiato, il caviale è rinomato soprattutto per il suo prezzo che si aggira dai 2mila fino agli 8mila euro al chilo. A fare la differenza, però, è la qualità delle uova.

Perché il caviale costa così tanto?

Il caviale ha sempre avuto un prezzo alto sul mercato perché proviene da una lavorazione meticolosa. Separazione delle uova, lavaggio, passaggio al setaccio e salatura donano al prodotto finale un sapore unico, un’esperienza di gusto che difficilmente si può rivivere con un altro tipo di cibo.

Bello e impossibile, il caviale viene conservato nelle scatolette di latta, il materiale ideale per ottimizzare la maturazione delle uova di storione.

Quali sono le proprietà delle uova di storione?

Con il loro alto contenuto di grassi buoni (monoinsaturi e omega 3) le uova di storione potrebbero essere considerate amiche del sistema cardiovascolare se non fosse per i molti grassi saturi, il colesterolo ed il sodio. Per questo motivo, qualora se ne presentasse l’incredibile occasione, consiglio di non esagerare con le porzioni.

È chiaro che non tutti possono permettersi di spendere così tanti soldi per pochi grammi di caviale. Per fortuna, oggi sul mercato si possono trovare facilmente anche le varietà più economiche. Dalle uova di merluzzo a quelle di salmone, un tripudio di gusto e colore per chi ha voglia di variare gli alimenti con ricette sfiziose.

Ecco le varietà più diffuse in commercio:

Uova di salmone 

Grandi, sgranate e dal colore arancione brillante, le uova di salmone sono ricche di omega 3 ed hanno un sapore deciso. Sono le preferite dai giapponesi che le usano per le loro ricette tradizionali.

Uova di luccio

Uova piccole e nutrienti hanno il colore dell’ambra e un gusto delicato che ben si accompagna ai molluschi.

Uova di aringa

Le uova di aringa sono un delizioso condimento per spaghetti e crostini.

Uova di merluzzo

Vengono consumate sia fresche che in salamoia per la preparazione della famosa “taramosalata” greca.

Uova di ricciola

Delicate e gustose, le uova di ricciola sono perfette per condire i primi.

Una vera festa di bontà e salute, parola di nutrizionista!

Per maggiori informazioni visita il mio blog (QUI) e la mia pagina facebook (QUI)

nemi

Dietista, Nutrizionista, Specialista  in Scienze della Nutrizione Umana, Perfezionato in Fitoterapia. Docente al corso di Laurea in Dietistica e al Master di I e II Livello in Nutrizione dell’Università Cattolica di Roma (Policlinico Agostino Gemelli). Docente e Cultore della Materia in Endocrinologia e Nutrizione Umana presso Scienze Motorie, Università Cattolica Milano. Riceve presso lo studio medico di Roma, via di San Pancrazio 7A. Telefono: 06 96 70 18 88 – loretonemi@gmail.com – Sito webFacebook

Comments are closed.