La festa di San Patrizio: tra leggenda e realtà

17 marzo.  San Patrizio, tra leggenda e realtà. Fra i tanti meriti che gli sono stati attribuiti anche quello di avere scacciato tutti i rettili dall’Irlanda, credenza alla base di molti dipinti che lo ritraggono mentre cammina sui serpenti, e il fatto di avere usato un trifoglio per spiegare il concetto della Santa Trinità. Molte leggende  che riguardano il santo patrono d’Irlanda sono frutto di forme di sincretismo tra cristianesimo e antichi elementi pagani. La croce celtica – o croce di San Patrizio – rappresenta forse l’esempio più emblematico di questa fusione.  

Slamish MountainsSlamish Mountains

Diverse fonti portano a pensare che provenisse dal Galles o dalla Scozia, da dove fu rapito per ridurlo in schiavitù; sarebbe giunto in Irlanda all’età di 16 anni.

Festa per san Patrizio

Fu mandato a pascolare le pecore sulle Slemish Mountains, nell’attuale contea di Antrim, in Irlanda del Nord, ancora oggi popolare luogo di pellegrinaggio. Dopo essere riuscito a fuggire, raggiungendo la Gran Bretagna, ebbe una visione che lo spinse a tornare in Irlanda per diffondere la parola di Dio, dedicandosi alla preghiera, alla conversione degli abitanti dell’isola e alla costruzione di chiese fino al giorno della sua morte, avvenuta il 17 marzo del 461, in quella che oggi è la contea di Down.

Una delle pratiche più diffuse per la festa di San Patrizio è quella di indossare qualcosa di verde.

Romanutti

Friulana di nascita, triestina di adozione. Quanto basta per conoscere da vicino la realtà di una regione dal nome doppio, Friuli e Venezia Giulia. Di un’età tale da poter considerare la cucina della memoria come la cucina concreta della sua infanzia, ma curiosa quanto basta per lasciarsi affascinare da tutte le nuove proposte gourmettare. Studi di
filosofia e di storia l’hanno spinta all’approfondimento e della divulgazione. Lettrice accanita quanto basta da scoprire nei libri la seduzione di piatti e ricette. Infine ha deciso di fare un giornale che racconti quello che a lei piacerebbe leggere. Così è nato q.b. Quanto basta, appunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *