La ricetta delle castagne al Brandy

brandy

Dopo la calda stagione estiva torna l’autunno con la raccolta delle castagne, i frutti montani ricchi di acido folico, vitamine del gruppo B e, soprattutto, carboidrati che li fanno somigliare di più ai cereali. Le castagne, oltre che crude, possono essere consumate cotte al forno o arrostite.

Dall’essiccatura e dalla successiva macinatura della castagna si ottiene la farina di castagne, nota anche come farina dolce, molto versatile in cucina per la preparazione di dolci, nonché di tipi particolari di pasta, quali i maltagliati e i ravioli. Inoltre, è stata per molto tempo la base per preparare il cosiddetto pane dei poveri ed è stata inserita e riconosciuta dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali nell’elenco dei PAT.  

Una ricetta gustosa che consente di conservare questi frutti autunnali ed assaporarli in qualunque momento dell’anno, è quella delle castagne sciroppate al Brandy. Questo liquore fu creato dagli Arabi, i quali già nel settimo secolo distillavano le uve per ottenere acquaviti medicinali.

brandy

Preparazione1 h 5 min
Cottura55 min
Tempo totale2 h
Portata: Conserve
Cucina: italiana
Keyword: Castagne al brandy

Ingredients

1 kg di castagne

    1 rametto di rosmarino

      Alcune foglie di alloro

        300 g di zucchero

          1 limone

            ½ l di Brandy

              Sale q.b.

                Instructions

                Pelare le castagne e sbollentarle in acqua a fiamma moderata con un pizzico di sale, il rosmarino e alcune foglie di alloro per 40 minuti. Nel momento in cui le castagne sono cotte, sgocciolarle e riporle nei vasetti di vetro sterilizzati. In una casseruola disporre lo zucchero, mezzo bicchiere di acqua, la buccia del limone tagliata a spirale e il succo del limone, portare a ebollizione a fuoco moderato, mescolare e continuare la cottura fino a quando il liquido si addensa, dopodiché toglierlo dal fuoco, lasciarlo intiepidire, versare il Brandy, amalgamare, eliminare la buccia del limone e versare il composto nei vasetti con le castagne. Dopo averli riempiti, chiudere i vasetti ermeticamente e conservarli per un mese in un ambiente buio ed asciutto, prima di servire.

                  sgro

                  Calabrese, ho conseguito la laurea in Giurisprudenza nel 2011 presso l’Università degli studi “Mediterranea” di Reggio Calabria e l’abilitazione alla professione forense nel 2016. Già articolista per la testata giornalistica online “Blasting News”, la grande passione per la cucina, ereditata da mio padre, ottimo cuoco ed esperto di funghi, mi ha spinta ad entrare a far parte del meraviglioso team di autori di questo sito interessante e goloso. Mi appassiona tutto ciò che riguarda l’arte culinaria e, quando mi è possibile, partecipo volentieri a fiere, manifestazioni e sagre. Altri miei interessi sono la lettura, lo sport e i viaggi. Dimenticavo: sono anche una buona forchetta!

                  Comments are closed.