Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Ultime news

La ricetta delle sarde a beccafico

Quando si sente parlare di “sarde a beccafico” il pensiero va alla nota e intramontabile tradizione culinaria siciliana. Questa deliziosa pietanza, prettamente fresca ed estiva, può fungere da secondo piatto di pesce, sebbene in molti preferiscano gustarla come antipasto. Questi piccoli pesci farciti prendono questo nome, in quanto ricordano i beccafichi, degli uccelli che anticamente venivano consumati dai nobili siciliani, dopo averli cacciati e farciti delle loro stesse viscere e interiora.

Il piatto era particolarmente gustoso ma, poiché il popolo non poteva permetterselo, in quanto considerato un bene di lusso, era costretto a ripiegare sulle sarde che soleva riempire di cibi molto poveri e facili da racimolare, quali mollica di pane e pinoli.

Le sarde a beccafico (in siciliano “sardi a beccaficu”) appartengono principalmente alla gastronomia messinese, catanese e palermitana e sono state riconosciute e inserite nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T.). Esistono diverse varianti di questa prelibata pietanza che si differenziano soprattutto per le modalità di cottura, al forno o impanate e fritte. Particolarmente gustose e apprezzate sono le sarde a beccafico alla catanese, che, invece di essere arrotolate sulla farcia, vengono disposte una sull’altra, a due a due, impanate e fritte e tra gli ingredienti che costituiscono la farcia vi è anche il caciocavallo che rende il tutto più saporito.

Le sarde a beccafico si possono preparare anche a spiedini alternando a ciascuna di esse una foglia di alloro. In Sicilia è tradizione cucinare e gustare le sarde a beccafico anche nel periodo natalizio, specie in occasione del cenone di Natale o di Capodanno. La preparazione di questo piatto è molto semplice e di breve durata. Di seguito, la ricetta.

maxresdefault

Preparazione 40 min
Cottura 10 min
Tempo totale 50 min
Portata secondo
Cucina italiana

Ingredienti
  

Per 4 persone

    24 sarde

      200 g di pangrattato

        100 g di pecorino grattugiato

          50 g di farina

            15 g di origano

              80 g di polpa di pomodoro

                1 spicchio d’aglio

                  40 g di pinoli

                    40 g di uvetta sultanina

                      40 g di capperi

                        1 mazzetto di prezzemolo

                          Mezzo decilitro di vino bianco

                            Olio di oliva

                              Olio di semi

                                Aceto q.b.

                                  Sale e pepe q.b.

                                    Istruzioni
                                     

                                    Iniziare la preparazione pulendo le sarde, togliendo la lisca e la testa e aprendole a portafoglio. Irrorare queste ultime con poco olio di oliva e aceto e lasciare marinare per 10 minuti. Successivamente tritare il prezzemolo, l’aglio e i pinoli. In una ciotola disporre il pangrattato, il pecorino grattugiato, il prezzemolo, l’aglio e i pinoli precedentemente tritati, l’origano, i capperi e l’uvetta sultanina. Amalgamare il tutto con il vino bianco e la polpa di pomodoro, salare e pepare; farcire le sarde con il composto ottenuto, chiuderle con uno stuzzicadenti, infarinarle e friggerle in una padella con l’olio di semi caldo fino alla doratura da entrambe le parti facendo attenzione a non aprirle o romperle. A fine cottura, togliere le sarde dalla padella, sgocciolarle, asciugarle sulla carta assorbente da cucina per eliminare l’olio in eccesso e disporle nel piatto da portata prima di servire.

                                      Keyword Sarde a beccafico



                                      Condividi

                                      Like

                                      0

                                      Ti potrebbe interessare

                                      Commenti recenti

                                      Scelte dell'editore