L’oro della Valle dei templi di Agrigento

Uliveto Val Paradiso

Un sito archeologico di grande fascino, quello del Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento, che al suo interno racchiude tanti tesori, non solo legati ai beni archeologici che per millenni si sono conservati e ritroviamo nella loro maestosa possanza, ma anche alle tante eccellenze agricole di un territorio che andrebbe sempre più valorizzato e reso parte di un sistema economico più ampio.

È il caso dellolio extravergine di oliva, che ha visto affidare alla Val Paradiso, la cura dei secolari ulivi del Parco e la promozione e commercializzazione dell’olio ottenuto a marchio Diodoros.

Diodoros

Lente parco promuove lagricoltura, creando un marchio sotto cui vengono declinati vino, olio, miele e mandorle.

L’olio della Valle, rappresenta un esclusivo progetto di valorizzazione della cultura siciliana; gli ulivi secolari sono dei veri monumenti viventi e rappresentano un bene storico, patrimonio dell’umanità, ricco di valori simbolici legati all’ulivo e al suo frutto.

Diodoros è un extravergine di alta qualità, che ha ottenuto tanti riconoscimenti, ma che prima di tutto viene prodotto in modo attento e coscienzioso; di questo olio ne vengono prodotte circa 5000 bottiglie lanno e una parte del ricavato viene dato al Parco per reinvestirla nel progetto di valorizzazione della Valle.

L’azienda Val Paradiso, dei fratelli Carlino è situata a Naro e si prende cura della produzione dellolio Diodoros al pari di tutta la sua linea aziendale.

Proprietaria di un moderno frantoio con estrazione a freddo dedicato alla molitura delle proprie olive, la struttura, di circa 1.800 mq coperti, dispone al suo interno non solo il laboratorio chimico ma anche una sala di assaggio.

Nata nel 1980 a Naro (Agrigento), prende il nome dalla splendida contrada “Val Paradiso” dove ricadono i fertili terreni di famiglia. Gli uliveti occupano una superficie di 100 ettari, divisi tra le campagne di Naro, Favara e Licata, seguendo i disciplinari di Agricoltura Biologica e in assoluto rispetto dell’ambiente e della natura, non solo in campo, ma anche provvedendo al risparmio energetico e alla conseguente produzione di energia propria attraverso il fotovoltaico e leolico. In azienda inoltre non ci sono sprechi e tutto viene riutilizzato, come lacqua della lavorazione, che viene raccolta in una cisterna e utilizzata come fertilizzante negli uliveti o ancora la sansa è utilizzata negli impianti per la produzione di biogas e il nocciolino è destinato al riscaldamento.

Azienda Val Paradiso

Il gusto delicato e l’armonia dell’olio extravergine di oliva Val Paradiso derivano dall’utilizzo di olive della varietà Biancolilla, Cerasuola e Nocellara del Belice, ciascuna con un suo profilo organolettico definito.

Le raccolte, le moliture e lo stoccaggio sono separate, poi con lesperienza hanno miscelato le cultivar ottenendo i loro tre oli aziendali; il Classico, dove vengono utilizzate Biancolilla e Nocellara,; ligp Sicilia, che invece racchiude un blend delle tre cultivar, proprio perché vuole rappresentare con forza e la struttura della Sicilia, che con la Cerasuola esprime un fruttato più intenso e il Bio, nel quale viene impiegata quasi esclusivamente Biancolilla, che dona allolio delicatezza ed equilibrio nel fruttato e nel sapore.

oli

Attraverso l’utilizzo di queste cultivar, ciascun olio si esprime per quelle che sono le sfumature aromatiche di ciascuna varietà sprigionando aromi e sapori distinti, che vanno dalle erbe aromatiche, quali lorigano, la foglia di pomodoro, il carciofo, e un delicato sentore di mandorla.

La famiglia Carlino, affronta con coscienza e coraggio il proprio lavoro ed è riuscita a creare una realtà meritevole in un territorio che ha tanto da dare, ma che ha altrettante difficoltà a far emergere le sue bellezze.

tempio della concordia

olio

Comments are closed.