Natale al tempo del Covid, mangiamo con gusto ma senza esagerare

A Natale mangiamo con gusto.
Proprio in questo Natale, così diverso, non rinunciamo al piacere della tavola castigandoci con riso in bianco e petto di pollo.
Un Natale così, fatto di abbracci virtuali e di pochi commensali, non può ridursi ad una tavola spoglia ed un menù qualsiasi.
Apriamo le porte del nostro cuore allo spirito natalizio affinché ci porti un po’ di buon umore anche attraverso il cibo.

In che modo? Mangiando un po’ di tutto ma senza esagerare. Lavorando di fantasia con pochi ingredienti ma buoni, seguendo le tecniche giuste di cottura, usando condimenti leggeri, assaporando le prelibatezze della tradizione accompagnate da un buon calice di vino.

Ricorda:

Non si ingrassa tra Natale e Capodanno ma… tra Capodanno e Natale.

Durante le feste non mi sento di dare i classici consigli sul controllo calorico o sulla scelta fra panettone e pandoro.

Di certo, non sono due pranzi e due cene abbondanti a determinare il nostro peso e la nostra salute, ma quello che facciamo durante tutto l’anno.

Quindi, serenamente e in modo ragionevole:

ATTENZIONE ALLE PORZIONI
Il motto è “Più qualità e meno quantità!” Goditi i cibi buoni senza fare il bis;

FAI PIÙ MOVIMENTO

TAKE YOUR TIME ossia “prenditi il tuo tempo” per rilassarti e riflettere.

Leggi anche: A tavola con gli italiani nel 2020, sregolatezza e pigrizia in un anno da dimenticare

Consiglio pratico:

Se sono a dieta posso mangiare il panettone?
Questa è la classica domanda che mi rivolgono i miei pazienti quando si avvicinano le Feste. Capita spesso, in questi giorni, di mangiarne in gran quantità.

Si tratta di un’abitudine assolutamente sbagliata alla quale si può sopperire seguendo dei piccoli consigli. Ad esempio, una fetta di panettone può essere mangiata a colazione assieme ad una tazza di tè.

Del resto, come proibirvi di mangiarne almeno una fetta?!

Uno strappo alla regola è senz’altro concesso, basta non esagerare con le porzioni.

Non portatelo a tavola a cena dopo aver mangiato pasta e/o pane. Il discorso naturalmente vale anche per l’amato pandoro.

E mi raccomando: preferite i prodotti artigianali a quelli confezionati.

In conclusione, addobbiamo la casa, prepariamo il pranzo, colleghiamoci via web con i nostri parenti lontani e brindiamo virtualmente al nuovo anno affinché sia più sereno di quello passato. Avviciniamoci alla tavola con il sorriso, evitando che il Covid diventi l’ospite indesiderato: parliamo d’altro, di aneddoti simpatici del passato e progetti fiduciosi del futuro. Affinché sia un sereno Natale.

nemi

Dietista, Nutrizionista, Specialista  in Scienze della Nutrizione Umana, Perfezionato in Fitoterapia. Docente al corso di Laurea in Dietistica e al Master di I e II Livello in Nutrizione dell’Università Cattolica di Roma (Policlinico Agostino Gemelli). Docente e Cultore della Materia in Endocrinologia e Nutrizione Umana presso Scienze Motorie, Università Cattolica Milano. Riceve presso lo studio medico di Roma, via di San Pancrazio 7A. Telefono: 06 96 70 18 88 – loretonemi@gmail.com – Sito webFacebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *