Pianoforte di Amedeo Buono – La vacanza in Calabria

6 spicchi

Da sempre i napoletani per le vacanze estive si riversano in Calabria. Tantissimi a Scalea. Divenuto un vero e proprio cliché tanto che il cantante “antidepressivo” (genere auto coniato e auto attribuitosi) Tony Tammaro ci ha fatto uno dei pezzi più iconici e divertenti. A beneficio di quei 2-3 che non la conoscessero QUI

Ok forse la sto prendendo un po’ larga ma vedrete che ci sta.

La pizza che mi ha maggiormente colpito in questa mia ultima spedizione gustativa è la pianoforte di Amedeo Buono della nuovissima 6 spicchi aperta da poco più di un mese a Somma Vesuviana (NA).

Pianoforte

Pomodorino del piennolo DOP, fior d’Agerola, nduja, tarallo sbriciolato, caciocavallo agerolese, basilico ed olio evo.

La lista degli ingredienti cosa vi ricorda? Un napoletano in Calabria, appunto. Che si è portato i suoi “sapori da casa” e li condivide con la calda, caldissima ospitalità locale.

Una pizza che vive di “strappi”, contrasti, accelerazioni, cambi di marce e frenate. C’è pure il leggero brivido dello sterrato (il croccante del tarallo). Pianoforte dunque non tanto in chiave musicale quanto sotto il profilo dell’intensità. Il pomodoro è dolce, dolcissimo ai limiti del commovente trova l’irruenza tipica della nduja che c’è e si sente. Fa la voce grossa come a dire “qui comando io!” però si ricorda di un minimo di ospitalità e dunque lascia campo e azione ora alla dolcezza del rosso vesuviano, ora al fior di latte. Poi sovviene il tarallo che apporta croccantezza e sapore ulteriore con la sua mandorla così caratteristica. Il caciocavallo in superficie, posto piacevolmente in uscita lasciato così a semi fondersi col calore della base è però poco pregnante.

Pianoforte

Dettaglio

Apporta un settore di lattico fresco e poco più, tenta ora con successo ora invano a fare da paciere tra dolcezza e piccantezza.

Questo contrasto si protrae fino alla fine della fetta, a lambire il cornicione come si nota dalla foto del dettaglio. Un’esperienza intensa e non fugace ma caratterizzante l’interezza del prodotto.

Pianoforte

Struttura

L’impasto è moderno, cornicione importante con una buona alveolatura. Ho riscontrato, a mio gusto, un morso leggermente eccessivo sul cornicione ma è una semplice preferenza personale in quanto in termini di digestione è stata praticamente ineccepibile.

Mi piacerebbe che al posto di questo tipo di caciocavallo si utilizzasse un provolone del Monaco, magari di media stagionatura, che sicuramente andrebbe a rendere più complesso il sapore rubando un po’ la scena al contrasto principale ma gli farebbe fare uno scatto in avanti in termini di resa finale.

La pizza è godibile e mi ha dato modo, anche con questi sapori forti, di poter saggiare l’impasto. Buona, ma “vedo” che fra qualche tempo sarà ancora meglio.

Sono agli inizi, un salto ve lo consiglio senz’altro. E non perdetevi la pianoforte, per carità!

Il sole coce forte

Non ce la faccio più

Restare ancora a Napoli

Oh, non se ne può più…”

Ma alla pizza con la nduja io non rinuncio più.

PIZZERIA 6 SPICCHI – via Tavani 59 – Somma Vesuviana (NA) – Tel. 081 1971 3331

Whatsapp 3343643206 – PRENOTAZIONI Sì – ASPORTO

ORARI Dal Lunedì alla Domenica 19.00-24.00 Sabato anche 12.00-15.00

Coperti 30 – PARCHEGGIO in strada

FACEBOOK (QUI)

INSTAGRAM (QUI)

Comments are closed.