The Best Chef Awards annuncia la Top 100 dei finalisti del 2019

Best chef

The Best Chef Awards annuncia la Top 100 dei finalisti del 2019 e l’Italia si piazza al secondo posto con ben 12 rappresentanti. La serata Awards sarà preceduta il giorno prima dalla conferenza Food Meets Science.

Barcellona, 8 luglio, 2019 – Oggi, The Best Chef Awards ha annunciato la Top 100 dei finalisti per il 2019. I nomi dei vincitori saranno rivelati alla cerimonia del 24 settembre a Barcellona. Sono stati annunciati anche i nuovi oratori per il simposio del 23 settembre ‘Food Meets Science’.

The Best Chef Awards: la Top 100 dei finalisti per il 2019

The Best Chef Awards ha annunciato i finalisti della Top 100 per il 2019, dopo aver esaminato i voti degli chef e dei professionisti del settore. Quest’anno i paesi con il maggior numero di nominati sono: Francia, Italia e Spagna. Per l’Italia: Massimiliano Alajmo, Andrea Aprea, Enrico Bartolini, Massimo Bottura, Enrico Crippa, Antonio Guida, Norbert Niederkofler, Davide Oldani, Floriano Pellegrino, Niko Romito, Mauro Uliassi.

I primi cinque finalisti dello scorso anno – Joan Roca (Spagna), Rene Redzepi (Danimarca), David Muñoz (Spagna), Björn Frantzén (Svezia) e Jonnie Boer (Paesi Bassi) – sono nuovamente presenti tra i top 100 del 2019, così come molti altri nomi familiari delle edizioni precedenti.

Alcune new entry tra i 100 finalisti di quest’anno sono, dalla Spagna: Victor Arguinzoniz, Eduard Xatruch, Oriol Castro e Mateu Casañas; dagli Stati Uniti: David Chang e Kyle Connaughton; dalla Francia: Adeline Grattard e Guy Savoy; dal Giappone: Zaiyu Hasegawa, Hiroyasu Kawate e Seiji Yamamoto; dal Regno Unito: Paul Cunningham; dalla Russia: Anatoly Kazakow; dal Peru: Pia Leon e Mitsuharu ‘Micha’ Tsumura; dal Messico: Edgar Núñez e Daniela Soto-Innes;

La lista completa è disponibile QUI

A partire dal primo agosto si apriranno le votazioni per il Best Chef Fol-LOVERS Award – un premio speciale per la categoria composta dalla comunità di follower del Best Chef. La comunità dei foodie avrà a disposizione un mese per votare on line i loro chef preferiti attraverso il sito web di The Best Chef Awards.

Il galà di premiazione con l’annuncio dei vincitori del 2019 si terrà presso l’Università di Barcellona in collaborazione con l’Agenzia del Turismo della Catalogna. I biglietti per la serata di gala sono disponibili QUI

Best chef

Le categorie di premio rinnovate quest’anno

Per l’edizione del 2019 The Best Chef Award premierà nove categorie: The Best Chef Award Top 100, The Best Chef City Gourmet Award, The Best Chef Rising Star Award, The Best Chef Fol-LOVERS Award, The Best Chef Pastry Award, The Best Chef FoodArt Award, The Best Chef New Entry Award, The Best Chef Voted by Chef Award e The Best Chef Legend Award.

The Best Chef Lady Award, categoria presente l’anno scorso non sarà rinnovata. Cristian Gadau, Direttore Creativo del The Best Chef Awards, ha chiarito: “Abbiamo deciso di cancellare il Lady Chef Award, in quanto crediamo che sia necessario al fine di creare una selezione dei 100 migliori chef senza far nessun riferimento a genere o etnia, ma soltanto considerando gli aspetti meritocratici e i voti di cuochi e altri professionisti. Ciò nonostante, le vincitrici delle scorse edizioni Chantel Dartnall (2017, Varsavia) e Emma Bengtsson (2018, Milano), sono due grandi professioniste che avranno sempre un posto speciale nella nostra storia.”

Oratori di altissimo livello alla conferenza Food Meets Science

Un’altra novità del programma eventi di quest’anno è il simposio ‘Food Meets Science’ powered by Estrella Damm. Avrà luogo a Barcellona il 23 settembre presso The Old Estrella Damm Brewery. The Best Chef Awards presenterà un progetto interdisciplinare che consisterà in uno scambio tra scienza e cucina con l’obiettivo di far luce su cosa accade realmente nel nostro cervello quando mangiamo e su come il nostro cervello influenza la scelta del cibo.

Alcuni oratori già confermati sono esimi scienziati: il professore Charles Spence, creatore del termine gastrofisica e capo del Crossmodal Research Laboratory presso l’Università di Oxford, il dottore Nicola Pirastu in rappresentanza dell’Università di Edinburgo e il dottore Paul Smeets dello University Medical Center di Utrecht. Sono riconfermati anche gli chefs Grant Achatz, Modest Amaro, Pia Leon, Vladimir Mukhin, Davide Oldani e Joan Roca.

Per ulteriori informazioni potete visitare (QUI) o (QUI)

Comments are closed.