Tre squisite ricette con i nostri inimitabili funghi ovuli

Ricorderete nell’articolo dedicato a questo fungo eccellente che è uno dei pochi commestibili anche crudo; ci sono tante ricette e noi parleremo di queste tre.

Un tipico primo piatto è la zuppa di ovuli;

Dosi per 4 persone:600 g di amanita caesarea (con lamelle libere ed esposte all’aria), 60 g di pancetta, 50 g di burro, 4 cucchiai di olio extravergine di oliva, 2 spicchi di aglio, una manciata di prezzemolo, un litro di brodo (meglio se di carne), parmigiano grattugiato, sale e pepe.

Lavare per bene i funghi, asciugarli e tagliarli a fette piccole e sottili o a pezzetti. Mettere sul fuoco una pentola con il burro e l’olio extravergine di oliva, unire la pancetta tagliata a dadini, l’aglio e il prezzemolo tritati e fare insaporire per qualche minuto. Aggiungere i funghi, salare e pepare.

Versare il brodo poco per volta e portare a cottura a pentola scoperta per circa 20 minuti a fuoco lento. Servire ben caldo dopo aver cosparso il piatto con parmigiano grattugiato e crostini di pane precedentemente abbrustoliti.

Ottimo e gustosissimo secondo piatto sono gli ovuli al forno;

ingredienti per 4 persone: 1 kg di ovuli; 1 spicchio d’aglio; prezzemolo; origano; olio di oliva; sale.

Mettere in una pirofila alcune foglie di vite lavate, adagiarvi sopra le cappelle dei funghi pulite, versare metà dell’olio e salare.
Tritare i gambi dei funghi con l’aglio e il prezzemolo e riempire le cappelle. Cospargere con il rimanente olio e l’origano, infornare per circa 30 minuti e servire.

Oppure una bella insalata di ovuli crudi alla maggiorana;

ingredienti: 400 g di ovuli; maggiorana fresca; olio extravergine di oliva; gocce di limone; sale.

Pulite gli ovoli.
Tagliateli a fette sottili e spruzzatele con qualche goccia di limone.
Cospargete con un po’ di maggiorana tritata.
Salate e condite con olio a filo.
Mescolate e servite.
Vini di accompagnamento: Alto Adige Chardonnay DOC, San Sisto Verdicchio Dei Castelli Di Jesi DOC, Fiano Di Avellino DOC.

Buon appetito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *