Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Verso allevamenti più autonomi e piatti, a bassa base di carbonio.

di Etienne Verrier ricercatore e Presidente della Société d’Ethnozootechnie

Il costo relativamente contenuto dei trasporti (soprattutto dopo gli shock petroliferi degli anni ’70) e il controllo della catena del freddo sono stati i due fattori principali della specializzazione delle attività agricole tra i territori, a livello nazionale e globale. È così che l’allevamento è quasi scomparso dai bacini di coltivazione su larga scala e che alcune filiere animali si sono concentrate in piccole regioni (un vecchio collega, che si riconoscerà leggendo queste righe, diceva che i maiali sono vicino ai porti).

L’UE è sia un importante produttore ed esportatore di prodotti animali sia un importante importatore di mangimi per il bestiame. Così, negli anni 2010, ad esempio, l’UE ha importato i due terzi degli alimenti ricchi di proteine che dà ai suoi animali da allevamento, compresa l’acquacoltura (per la Francia, la proporzione si aggira intorno al 40%) [1]. La farina di soia, proveniente dal Sud America, è di gran lunga la principale responsabile di questa dipendenza: ogni anno, l’UE importa circa 14,3 milioni di tonnellate (la Francia 0,9 milioni) [1], vale a dire l’equivalente di produzione di 5,7 milioni di ettari di terreno agricolo in Brasile (l’area di 10 Dipartimenti francesi). Ne beneficiano anche alcune filiere che non utilizzano alimenti importati (o marginalmente) per la relativa facilità di trasporto: ad esempio, l’allevamento di vitelli lattanti provenienti dal sud del Massiccio Centrale (razze Salers e Aubrac) non conoscerebbe il suo attuale sviluppo se centinaia di migliaia di  vitelli non partisserono ogni anno per riempire i centri di ingrasso della Pianura Padana, situati approssimativamente a 700 km in linea d’aria (con in aggiunta le Alpi da attraversare).

Un recente studio mostra come il sistema alimentare francese determini un consumo energetico annuo di 31,6 Mtep (megatonnellate di petrolio equivalente), di cui il 31% è dovuto ai trasporti e il 27% all’agricoltura [2]. Questo stesso studio fissa a 163,3 MteqCO2 (megatonnellate di CO2 equivalente) le emissioni annuali di gas a effetto serra di cui è responsabile il nostro sistema alimentare, ovvero il 24% dell’impronta di carbonio totale delle famiglie. Di queste emissioni l’agricoltura pesa per i due terzi, sotto forma di metano (44% delle emissioni agricole), protossido di azoto (34%) e CO2 (22%), mentre i trasporti rappresentano un quinto, principalmente sotto forma di CO2 [2].

Non neghiamo né la complessità dell’analisi degli impatti dei sistemi alimentari né le approssimazioni di metodi necessariamente riduttivi [3]. Non ignoriamo nemmeno l’impatto di altri settori attività, come l’industria, l’habitat, i trasporti non correlati all’alimentazione, al tempo libero, ecc. Tuttavia, una risoluta evoluzione del nostro sistema alimentare verso una maggiore “autonomia, prossimità e solidarietà” dovrebbe contribuire in modo significativo alla lotta contro i disordini climatici, ambientali e sanitari che il nostro pianeta sta vivendo e il conseguente danno sociale [4]. Tutto ciò si traduce in una minore impronta di carbonio sia alla produzione (tipologia di input, efficienza animale, logica circolare dei sistemi agricoli), sia alla distribuzione (natura dei circuiti) e sia al consumo (le nostre scelte alimentari) [3, 5].

L’Europa è una delle grandi regioni di zootecniche del mondo, e questa attività, in tutta la sua diversità, apporta al nostro continente un’intera gamma di servizi alimentari e non alimentari [6]. Tuttavia, ci sono margini per ridurre l’impronta di carbonio delle aziende agricole europee e per giocare meglio la carta dell’alleanza tra microrganismi del suolo, le piante, gli animali e il know-how degli allevatori, con tutto quello che comporta in termini di equilibri fragili e soggetti agli imprevisti [3]. L’alimentazione animale è una delle principali leve a nostra disposizione ed è ormai assodato che i sistemi più virtuosi sono quelli che privilegiano le risorse locali e non direttamente sfruttabili dall’uomo, come i pascoli naturali erbivori e coprodotti dell’agricoltura e dell’agroalimentare [4, 5].

Diverse iniziative sono già in corso. Per citarne solo una, il progetto “Aziende da latte a basso carbone”, supportato dal CNIEL (Centro Interprofessionale Nazionale per l’Economia Casearia) riguarda oggi 12.000 allevatori di vacche da latte (20% del totale) e prevede, per ogni azienda, una diagnostica, l’identificazione delle leve e degli strumenti che possono essere mobilitati e un piano d’azione [8]. Per citare solo un esempio di azioni concrete, all’interno di un allevamento ad alto livello di produzione con l’obiettivo dichiarato di ridurre il consumo di energia fossile e l’impronta di carbonio, l’azienda sperimentale AgroParisTech di Grignon (200 vacche da latte, 500 pecore da carne) non acquista un grammo di farina di soia dal 2002 e ottiene la maggior quantità possibile di farina di colza da una fattoria vicina che pratica l’estrazione in azienda di olio di colza.

A valle delle filiere, i circuiti di approvvigionamento e le abitudini di consumo stanno vivendo un forte tendenza alla diversificazione nel nostro Paese: modello di ipermercato costretto a essere rivisto, proliferazione di circuiti brevi e / o locali, crescita lenta ma costante del mercato dei prodotti “biologici”, esplosione del commercio online, il “fatto in casa” aggiornato e così via. Ovviamente nessun modello può rivendicare l’universalità. Ad esempio, i circuiti di prossimità incontrano limiti evidenti per quello che offrono le grandi metropoli: pensiamo solo alla fornitura di prodotti animali agli abitanti dell’agglomerato parigino! Ma questa diversificazione, unita a una consapevolezza il crescente dell’impatto delle attività umane sull’ambiente e sulla biodiversità, dovrebbe consentirci di garantire che il nostro cibo, o qualunque cosa abbia contribuito a produrlo, non viaggi in tutto il pianeta prima di arrivare nei nostri piatti.

Qualsiasi transizione è gestita nel lungo, anche molto lungo tempo; la transizione agricola e alimentare qui menzionata non sfuggirà alla regola! Sarà raggiunta solo coinvolgendo tutti gli attori dei settori, a cominciare dal allevatori per quanto ci riguarda. Il percorso non mancherà di ostacoli … È quindi utile ricordare il motto di Guglielmo d’Orange (1533-1584): “Non c’è bisogno di sperare per intraprendere, né riuscire per perseverare”.

Articolo ripreso e tradotto da: LA LETTRE DE LA SOCIÉTÉ D’ETHNOZOOTECHNIE, Patrimoines et savoirs en élevage. Janvier 2021.

Bibliografia

[1] Terres Univia (2020) Chiffres-clés oléagineux et plantes riches en protéines.

[2] Barbier C., Couturier C., Pourouchottamin P., Cayla J.M., Sylvestre M., Pharabod I. (2019) L’empreinte énergétique et carbone de l’alimentation en France. Club Ingénierie Prospective Energie et Environnement, Paris, IDDRI, 24p.

[3] Peyraud J.L., McLeod M. (2020) L’avenir de l’élevage européen: comment contribuer à un secteur agricole durable? Rapport pour la Commission Européenne, Synthèse, 17 p.

[4] Duru M., Le Bras C. (2020) Crises environnementales et sanitaires: des maladies de l’anthropocène qui appellent à refonder notre système alimentaire. Cah. Agric. 29, 34.

[5] De Boer J.M. (2018) Do animals have a role in future food systems? 69th EAAP annual meeting, Dubrovnik, August 27- 31, 2020.

[6] Dumont B. (coord), Dupraz P. (coord.), et al. (2016) Rôles, impacts et services issus des élevages en Europe. Synthèse de l’expertise scientifique collective, INRA (France), 136 p. https://hal.archives-ouvertes.fr/hal-01595470/document

[7] CNIEL, La ferme laitière bas carbone, https://www.ferme-laitiere-bas-carbone.fr/

[8] AgroParisTech, Grignon Energie Positive, http://www.agroparistech.fr/spip.php?rubrique1523



Condividi

Like

0

Ti potrebbe interessare

0
0

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Thanks for submitting your rating!
    Please give a rating.

    Thanks for submitting your comment!

    Commenti recenti

    Scelte dell'editore