Zafferano, uno scrigno di salute nello stigma di un fiore bellissimo

zafferano

Lo zafferano è una spezia ricavata dagli stigmi di un fiore bellissimo color viola che sboccia dalla pianta Crocus sativus.

I benefici dello zafferano era conosciuti fin dall’Antichità e oggi la scienza ci conferma quale meraviglioso scrigno di salute vi sia nascosto.

Amico del sorriso

Secondo la letteratura scientifica internazionale, la polvere di zafferano favorisce il normale tono dell’umore e contrasta alcuni disturbi del ciclo premestruale.

La sua azione è favorita dalla presenza di:

MAGNESIO importante per il metabolismo energetico;
VITAMINA B6 coinvolta nel metabolismo energetico, nel normale funzionamento del sistema nervoso e nella normale funzione psicologica.

Un aiuto per chi vuole perdere peso  

Gli stigmi dello zafferano agiscono direttamente a livello dei neurotrasmettitori che aumentano la sazietà e riducono i comportamenti alimentari compulsivi, dimostrandosi così d’aiuto per chi segue una dieta e vuole perdere peso.

Per questo motivo, io consiglio spesso gli integratori a base di zafferano ai miei pazienti in sovrappeso. Questi composti hanno dimostrato efficacia anche contro i disturbi alimentari compulsivi causati da stress o depressione.

Uno scudo per gli occhi

Uno studio condotto dall’Università di Sydney e dall’Università de L’Aquila ha dimostrato l’attività protettiva dello zafferano nei confronti dello stress ossidativo sulla retina degli occhi che conduce a diverse patologie gravi, come la degenerazione maculare senile (AMD, Age related Macular Degeneration) e la retinopatia diabetica.

Il nemico dell’Alzheimer

La crocina e il safranale, due composti dello zafferano, sono dei preziosi antiossidanti appartenenti alla famiglia dei carotenoidi. Questi si legano ai radicali liberi, impedendo loro di provocare danni alle cellule. In questo modo aumentano le difese immunitarie, favoriscono la formazione di vitamina A ed esercitano una valida azione preventiva contro l’Alzheimer.

Un sollievo per la digestione

Lo zafferano è ricco di limonene, terpeni, licopene e zeaxantina. Grazie a queste sostanze, la spezia giallo oro si dimostra un ottimo antisettico e favorisce la digestione.

Io la consiglio spesso anche alle pazienti in gravidanza come rimedio naturale contro i fastidi della nausea.

Un alleato contro i dolori del ciclo

Lo zafferano si dimostra anche un ottimo alleato contro i dolori del ciclo mestruale. In questi casi, può esserti d’aiuto bere un infuso a base di 4 stimmi di zafferano e un cucchiaino di achillea in una tazza d’acqua bollente.

Come usare lo zafferano in cucina

Questa magica spezia ha un sapore unico in cucina e può essere usata per la preparazione di piatti dolci e salati.

Oltre al classico risotto, io lo uso spesso in inverno per preparare una squisita vellutata a base di carote, zucca e un pugno di riso integrale.

Condisco con un filo d’olio extravergine d’oliva a crudo e un cucchiaio di semi di zucca.

Per maggiori informazioni visita il mio blog (QUI) e la mia pagina facebook (QUI).

nemi

Dietista, Nutrizionista, Specialista  in Scienze della Nutrizione Umana, Perfezionato in Fitoterapia. Docente al corso di Laurea in Dietistica e al Master di I e II Livello in Nutrizione dell’Università Cattolica di Roma (Policlinico Agostino Gemelli). Docente e Cultore della Materia in Endocrinologia e Nutrizione Umana presso Scienze Motorie, Università Cattolica Milano. Riceve presso lo studio medico di Roma, via di San Pancrazio 7A. Telefono: 06 96 70 18 88 – loretonemi@gmail.com – Sito webFacebook

Comments are closed.