Il frutto degli dei. L’uva e le sue incredibili proprietà

uva

L’uva è uno dei più antichi frutti della storiaLe sue origini sono una leggenda. Alcuni studiosi pensano che il frutto proibito dell’Eden fosse proprio la succosa uva e non l’anonima mela. Ma in tutta la storia dell’umanità si fa spesso riferimento a questo frutto, infatti molte religioni hanno di solito la divinità dell’uva o del vino. I greci e i romani avevano Dionisio e Bacco, sumeri avevano Siduri, la donna del vino (l’ostessa sacra), fino ad arrivare alla religione cristiana che usa il vino come il “sangue di cristo”.

Chissà se gli antichi popoli ne conoscevano le tante proprietà.

Scopriamole insieme.

Proprietà nutrizionali

100 grammi d’uva fresca apportano all’incirca 61 Kcal, 80% è acqua, il 16% sono zuccheri (fruttosio e glucosio), 1% di fibre, il resto sono proteine e grassi contenuti principalmente nei semi.

L’uva è ricca in sali minerali, in particolare potassio, ma anche manganeseramefosforo e ferro.

Tra le vitamine abbiamo la C (6 mg %) la B1B2PP ed AMa soprattutto un carico notevole di antiossidanti.

Benefici dell’uva

L’uva è dissetante, grazie al grande contenuto di acqua. Il potassio le conferisce invece un effetto drenante e gli zuccheri quello energetico.

Ma non finisce qui

L’olio di vinaccioli (semi d’uva) è ricco in acidi grassi polinsaturi; di conseguenza, esercita un’azione lassativa ed ipocolesterolemizzante.

Per uso esterno espleta proprietà emollienti; l’olio di vinaccioli, associato agli antocianosidi delle foglie, concorre all’azione vasoprotettrice, donando elasticità alla pelle (capacità di stabilizzare elastina e collagene).

Anche i polifenoli contribuiscono a mantenere elastica la pelle, contrastando la degradazione di collagene ed elastina; inoltre favoriscono l’inibizione dell’ossidazione delle LDL.

Iresveratrolo 

Questo composto famoso è utile nella prevenzione dalle malattie cardiovascolari, poiché migliora la fluidità del sangue, diminuendo pertanto il rischio di eventuale aggregazione piastrinica. Inoltre esercita proprietà antinfiammatorie ed ipocolesterolemizzanti. Sì è però riscontrato che per avere degli effetti apprezzabili la quantità di resveratrolo deve essere talmente alta che la sola assunzione alimentare diventa impossibile. A meno che non vogliate mangiare una cassetta d’uva o bere 4l di vino.

Uva detox?

Ultimamente va di moda questo termine. Detox. Che da un punto di vista nutrizionale non significa niente. L’effetto detossificante, ossia di allontanamento delle tossine è un processo normale del nostro corpo. Quando eliminiamo scorie attraverso l’urina e le funzioni intestinali stiamo effettivamente detossificando l’organismo. Quindi l’uva, avendo un effetto drenante, può considerarsi detox? Probabilmente sì, ma non fate sentire questo termine ad un nutrizionista.

Controindicazioni

Nonostante le innumerevoli proprietà, abbiamo anche il rovescio della medaglia.

L’uva è un frutto per molti, ma non per tutti (cit.), per il suo alto contenuto di zuccheri, ad esempio, è sconsigliata a chi soffre di diabete. Inoltre la buccia può fermentare, quindi è da evitare per chi soffre di colon irritabile e i semi possono complicare la vita a chi soffre di diverticoli.

In conclusione

Sali minerali, vitamine, antiossidanti e grassi polinsaturi, tutti elementi utilissimi al nostro organismo, ma è bene tenere conto che l’uva non è miracolosa, nel senso che sarebbe sbagliato considerare questo frutto come la panacea di tutti i mali: in associazione ad uno stile di vita sano e regolare, l’uva è un ottimo aiutante per la nostra salute.

Comments are closed.