HomeVisitati per voiPizzerieVincenzo Capuano torna a Napoli e apre la sua nuova pizzeria

Vincenzo Capuano torna a Napoli e apre la sua nuova pizzeria

Vincenzo Capuano

Vincenzo Capuano è un simbolo.

     È un simbolo di riscatto, è simbolo di amore per la propria terra e le proprie origini.

     Originario di Scampia, figlio d’arte di una famiglia di pizzaioli, dopo una lunga esperienza come consulente di Rossopomodoro, per cui ha curato le aperture di locali in tutto il mondo, da poco ha aperto con il suo papà Luigi, il Capuano’s a Milano ed è ospite fisso nel programma “Detto Fatto” su Rai 2.

Vincenzo Capuano

     Ma il richiamo della sua terra era troppo forte e Vincenzo ha deciso di aprire un locale a Napoli a Piazza Vittoria, che diventa punto di riferimento definitivo per la buona pizza a Napoli.

     “Sono emozionato! – dice Vincenzo Proprio a pochi passi da dove il mare bacia Napoli, nascerà la mia prima pizzeria, in una delle piazze più importanti della mia città. Partito dalla periferia di Napoli, con una valigia carica di sogni ho girato il mondo. Ho fatto pizze tra i grattacieli di New York fino al Grand Canyon, ho fatto gare a Las Vegas fino alla Spagna. Ho impastato col freddo in Islanda e con un caldo pazzesco in Algeria fino alla Danimarca. Ora sono pronto per portare nella mia terra tutte queste esperienze e vivere al meglio il mio “Sogno Napoletano”

     Prossimamente la data di apertura! Intanto ricordatevi che: “Vivere di Pizza è meraviglioso”!

     In bocca al lupo Vincenzo. Ti auguriamo il meglio.

Comments

Written by

Di Roberti Enrico (Napoli 24-04.1977) Sono un giovane ( o quasi) avvocato di Marigliano ( ma cresciuto ad Acerra) con la passione della scrittura, dell'enogastronomia e della pizza in particolare. Da ragazzo sono stato vicedirettore del giornale acerrano, il "Tablò" dove mi sono occupato di cultura e politica locale. Nel 2013 apro il mio blog "Pizza Passione Napoletana" con l'intento di far conoscere al pubblico tutto ciò che riguarda la pizza ed i pizzaioli napoletani, con un occhio di riguardo per le pizzerie "di periferia" poco conosciute alla movida del fine settimana.