Come lavare frutta e verdura in sicurezza

Quando si parla di cibo e salute è bene non dare mai nulla per scontato.

Ciò vale anche per una pratica che facciamo ogni giorno, spesso in automatico: lavare frutta e verdura.

C’è chi usa l’acqua del rubinetto ed elimina così soltanto la metà dei pesticidi presenti sul cibo.

Chi, invece, usa i disinfettanti ad ampio spettro e spreca così solo tempo e soldi.

Conosco anche chi usa l’aceto al 5% e riduce così gran parte dei pesticidi. Ma per arrivare ad una dose efficace bisogna usare ogni volta una quantità considerevole di aceto bianco.

Dunque, qual è la soluzione migliore?

Io uso l’acqua salata al 10%, ossia aggiungo una parte di sale a 9 di acqua per lavare frutta e verdura.

Ottimo è anche l’uso del bicarbonato di sodio. A questo proposito, uno studio condotto in America, svolto da parte del Dott. Lili He e dal suo team, ha visto come l’uso del bicarbonato di sodio abbia la capacità di eliminare quasi il 96% di residui di fitofarmaci. Il bicarbonato è efficace anche per la rimozione di batteri che possono essere presenti sulla superficie dei vegetali, tra cui l’Escherichia coli e la Salmonella.

Come si usa il bicarbonato di sodio?

  • Per prima cosa, lava con acqua corrente frutta e verdura per eliminare residui di terra e polvere.
  • Una volta fatto, procedi a riempire il contenitore con acqua fin quando la verdura (o la frutta) venga completamente sommersa, poi aggiungi il bicarbonato (un cucchiaio di bicarbonato è sufficiente per un litro d’acqua).
  • Lascia in ammollo per almeno 5 minuti.
  • Infine, sciacqua nuovamente la frutta o la verdura sotto l’acqua corrente prima di consumarla.

Frutta e verdura biologiche vanno lavate?

Sì, certo. Io lavo anche i prodotti super-biologici provenienti dal mio orto a Pofi dove so con sicurezza che non si utilizzano i pesticidi.

È sempre consigliabile lavare i prodotti da orto per ridurre qualsiasi presenza di particelle inquinanti provenienti dal vento o dalla pioggia.

E per quanto riguarda i prodotti BIO che acquistiamo, varie ricerche hanno evidenziato la presenza di residui di pesticidi nell’11% dei campioni biologici alimentari esaminati.

In questo caso possono entrare in gioco tre fattori:

  1. impiego accidentale o fraudolento delle sostanze chimiche;
  2. contaminazione dai campi confinanti a coltivazione tradizionale;
  3. presenza nel terreno di inquinanti persistenti, come il DDT.
nemi

Dietista, Nutrizionista, Specialista  in Scienze della Nutrizione Umana, Perfezionato in Fitoterapia. Docente al corso di Laurea in Dietistica e al Master di I e II Livello in Nutrizione dell’Università Cattolica di Roma (Policlinico Agostino Gemelli). Docente e Cultore della Materia in Endocrinologia e Nutrizione Umana presso Scienze Motorie, Università Cattolica Milano. Riceve presso lo studio medico di Roma, via di San Pancrazio 7A. Telefono: 06 96 70 18 88 – loretonemi@gmail.com – Sito webFacebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *