Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

La morte di Silvano Samaroli, il re "eretico" dei "Single"

     È del 17 febbraio la notizia della scomparsa di Silvano Samaroli, bolognese di 77 anni nato a Bengasi, su un volo di ritorno da Singapore.

     Noto agli appassionati di Rhum per le sue selezionatissime bottiglie, è forse meno noto ai più per il grandissimo contributo che diede al mondo dei whisky, in particolar modo scozzesi, sul finire degli anni sessanta, quando da rappresentante volle intraprendere l’appassionante strada del selezionatore per divenire pochi anni dopo il settimo selezionatore di whisky indipendente di Scozia e il primo al mondo.

     All’epoca del suo cammino, che convinse fino ad entusiasmarlo anche Veronelli, il mondo dei Whisky di elevata qualità si fermava in Inghilterra dove arrivava qualcosa dell’immenso patrimonio di single malt che la Scozia, tra Highlands e Speyside, riusciva ogni anno a produrre. Da noi in Europa, e più segnatamente in Italia, arrivavano solo blend di bassa qualità con qualche tiratura limitata degli stessi che poco aggiungeva ad un panorama piatto deputato solo al realizzo dei ricavi di mercato.

66833s

     Samaroli seppe prima appassionare con i suoi “single” malt e poi sublimare con i “single” cask allorquando si rese conto che gli scozzesi avevano smesso anche di investire in questo abbassando i costi delle botti con recipienti riciclati ed “a fine carriera” o addizionando il prodotto con caramello.

Il whisky eretico

     Il passo di acquistare singole botti di rovere nuovo americano e seguirne l’affinamento per trarne veri e propri pezzi unici fu forse il vero passo che tutti gli amanti del whisky scozzese attendevano mentre il prezioso distillato, per scelte, poi pagate a caro prezzo, perdeva posizioni anche con i whisky giapponesi.

     La pubblicazione di whisky eretico avvenuta nel 2016 è proprio la summa di questo cammino dove il pensiero di Samaroli e le sue scelte sono ben sintetizzate nelle seguenti parole:

“L’etica è il principio ispiratore, il resto è energia creativa. Amo i toni maturi ed evoluti. Sono sostenitore delle armonie, delle sfumature calde ed avvolgenti, degli accordi complessi, dei gusti naturali, dei respiri sottili e ampi al tempo stesso. Amo il difetto a condizione che esprima personalità. Tollero l’acidità solo a condizione che ci regala dimensione. Non credo nelle scelte facili e non sopporto le banalità. Cerco ovunque tutto ciò che sia unico.”

     Per gli appassionati, ed in stile scozzese, se dovessimo oggi levare un bicchiere alla sua memoria sentirei di suggerire un Glen Grant 1973 – Speyside Single Malt Whisky – 3° ed ultimo release – imbottigliato nel 2013 – Selezione ovviamente Samaroli. E la pronuncia della vecchia frase con la quale si brinda ai vecchi tempi:

     “Auld Lang Syne!”

Facebook Notice for EU! You need to login to view and post FB Comments!



Condividi

Like

0

Ti potrebbe interessare

Commenti recenti

Scelte dell'editore