Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Philippe Léveillé e #volevoessereunpomodoro.

     Lo Chef Philippe Léveillé nasce a Nantes nel 1963. Dopo aver terminato la scuola alberghiera, avvia una serie di giri per il mondo. Esordisce a Parigi nell’Hotel Winsor Clovis per trovarsi poi all’Hotel Helton Kennedy di New York,  poi ancora al ristorante Boucairre Meridiane in Martinica e per finire al Vis Palace Grand Corniche.

Philippe Léveillé LSDM 2017     Passa anche per numerosi ristoranti italiani importanti per poi sbarcare nella sua attuale posizione al Miramonti l’altro.

#volevoessereunpomodoro: questo il nome del primo piatto dello Chef Léveillé

     Tartare di gamberi, succo di lime, buccia e sale. Tutto mescolato. Nel comtempo ha messo insieme mozzarella e panna e li ha frullati. Li ha lasciati per 12 ore e poi ha setacciato il tutto e ottenuto una spuma.

Philippe Léveillé LSDM 2017     Con la tecnica di cottura del “ginocchio freddo” ha ottenuto una gelatina che unita all’acqua di pomodoro, filtrata e cotta a 54°, dà un foglio di gelatina di pomodoro. Impiattato, l’aspetto è quello del pomodoro, ma con tutto il corredo aromatico gustativo di una caprese con tartare di gamberi.

     Si aggiunge un gelato di basilico fatto al pacojet con 3 passaggi precedenti e uno finale preservizio.

Philippe Léveillé LSDM 2017     Interessantissime le consistenze e il gusto di #volevoessereunpomodoro  forse un po’ troppa acidità nel gelato di basilico.

     Lascia stupiti in ogni caso la grande ricerca e il lavoro che c’è dietro questo piatto che, vale la pena di ricordare, è servita come entrée di benvenuto, ossia è gratuito.

 
 



Condividi

Like

0

Ti potrebbe interessare

Commenti recenti

Scelte dell'editore