Tra storia e mitologia: il nocino conventuale Padre Peppe®

La storia  del Padre Peppe inizia alla fine del 700, quando il frate cappuccino Padre Giuseppe Ronchi si ritira in Puglia, da Napoli, con il desiderio di scoprire nella Murgia, nei suoi boschi, nei suoi prati, nelle sue acque e nelle sue rocce, un rimedio che potesse lenire o guarire le molestie e le infermità che il vivere quotidiano porta in sé.

Seguendo la tradizione monastica, conduceva la sua vita cercando -con fede e dedizione- di aiutare tutti a ritrovare l’equilibrio globale dell’organismo: mente, anima e corpo.

Qui trovò il modo di estrarre succhi medicamentosi dalle erbe e dai frutti, estratti lavorati con dedizione nell’officina del monastero, dove il frate poteva sperimentarne l’azione terapeutica per il sollievo di frati e fedeli.

Con il passare del tempo, un grave problema iniziò ad assillare il frate ‘speziale’: conservare e mantenere integre le preparazioni fino al momento del loro utilizzo.

Provò a conservare molte spezie erbe e frutti utili per i suoi medicamenti e fu così che nel tempo, perfezionò un distillato di cura e benessere: il Padre Peppe.

Un prodotto che francamente era qualcosa di più di una medicina naturale.

Ad intuirlo fu il fratello del frate, Nicola Ronchi, che utilizzò la ricetta per produrre e servire nel suo antico caffè l’elisir di noci. A spingere il liquore al di fuori delle mura cittadine fu Luigi Striccoli, bisnonno degli attuali proprietari, che sposando una figlia adottiva del Ronchi, ereditò il caffè e la piccola fabbrica annessa.

Per prima cosa lo Striccoli reputò opportuno dare un preciso nome all’infuso, ed in onore dell’inventore, lo chiamò “Padre Peppe” e successivamente registrò il marchio presso l’Ufficio Brevetti al Ministero dell’Industria e Commercio.

Luigi Striccoli tramandò la ricetta al figlio Carlo, che sposò una discendente dei Bolognese.

Dal matrimonio nacquero i figli Luigi e Domenico che ereditarono anch’essi ricetta e caffè (le due persone in foto davanti al leone in pietra della Cattedrale).

Ancora oggi la gestione dell’azienda è affidata agli ultimi degli eredi che la

gestiscono dal 2005. La Ditta Striccoli negli anni ha conservato con cura e dedizione il

prontuario stilato dal frate, pagine redatte dal frate che spiegano e codificano tutti i preparati

dell’officina del monastero e tra queste tutte le fasi di produzione del prezioso elixir.

michele polignieri

Nato in Calabria nel marzo del 58 da genitori pugliesi, esercita la professione di Medico Veterinario Igienista (Qualità e Sicurezza Alimentare) presso la ASL BARI come Dirigente Medico Veterinario Area Ispezione e Controllo degli Alimenti di Origine Animale. Laureatosi in Medicina Veterinaria nel 1985,  consegue la seconda Laurea in Scienze della Maricoltura ed Igiene dei Prodotti Ittici presso l’UNIBA nel 2007. Esercita per quanto previsto per i medici e veterinari del Servizio Sanitario Nazionale, la libera professione intra moenia ad Altamura a favore di animali d’affezione.  Si occupa da sempre di produzione agro alimentare, è stato curatore/relatore per corsi sui formaggi, sulle carni e  salumi, oltre  referente regionale in Puglia, dal 2007 al 2014, del progetto educativo e di formazione per i docenti del MIUR “Orto in Condotta”. Fonda nel 2007 l’Associazione “Il Sogno di Arlecchino_Ricerca e tutela della Biodiversità” che candida alla gestione del progetto pilota “CENTRO STUDI PER LA TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ E DEL TURISMO SOSTENIBILE” ed all’utilizzo di terapie “altre” nel contesto del disagio mentale. Sommelier con diploma AIS , ha collaborato al progetto editoriale dell’A.I.S. Puglia “Messaggi in Bottiglia” e di Slow Food Editore “Extravergine”. E’ Iscritto dal 2011, presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, all’Albo Nazionale degli Assaggiatori di Olii di Oliva Vergine ed Extravergine ed è   membro effettivo del Gruppo Panel di assaggio olio DOP Terre di Bari, presso la Camera di Commercio di Bari.  Impegna la propria competenza istituzionale, per declinare al meglio le tematiche inerenti la produzione agro zootecnica e la valorizzazione dei prodotti di qualità sanitaria, etica e nutrizionale anche in attività extra professionali, attraverso l’organizzazione in ambito Universitario di eventi a carattere scientifico e di aggiornamento professionale; nel 2015 consegue il Master Universitario in Cultura dell’Alimentazione e delle Tradizioni eno gastronomiche, presso l’Università degli Studi UNIROMA 2 di Tor Vergata.Ha governato la Condotta Slow Food delle Murge dal 2010 al 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *