Close

Login

Close

Register

Close

Lost Password

Ultime news

LoroItaliano: il nuovo format dedicato alla pasta dello Chef Massimo Carleo

LoroItaliano: un  locale dinamico legato ai concetti di tradizione, qualità e sostenibilità

Massimo Carleo, chef e patron del omonimo ristorante di Potenza, conosciuto per la sua maestria nei risotti ( e qui su Di Testa e Di Gola ci sono diverse sue creazioni)  ha aperto a Firenze la sua nuova “creatura”: LoroItaliano

Si tratta di un pasta bar che prende il nome da una delle eccellenze del nostro territorio, ovvero il grano, che nella nostra Gragnano si trasforma in una delle paste migliori del mondo.

 

Massimo Carleo classe 1984, giovane cuoco lucano con una passione irrefrenabile per la sua amata Basilicata, terra che ama ricordare anche nei suoi piatti, ha deciso di proporre in questo format, che parte in Italia, ma in procinto di aprire anche all’estero, i piatti di pasta più iconici della cucina italiana, oltre a qualche proposta più raffinata che affonda nelle radici della sua cucina.

Così, oltre agli intramontabili spagetti con pomodoro del piennolo, carbonara e cacio e pepe, troviamo chicche come le Caserecce di Gragnano IGP con salsa di pomodorini cotti a bassa temperatura, salsa di provola affumicata campana, stracciatella Pugliese e mollica croccante al peperone Crusco di Senise.

Pasta cotta in 120 secondi circa, da gustare in un ambiente giovane ma elegante al tempo stesso e completamente automatizzato.

Oltre alla pasta, che rappresenta la proposta principale del locale, è possibile trovare anche Pinse (realizzata con farina di grano Senatore Cappelli)e Insalate, sempre realizzate con prodotti freschi e di assoluta qualità.

Nel locale, completamente plastic free, è inoltre possibile fare anche colazione e prendere comodamente un caffè o un tè, per una esperienza a 360°

LoroItaliano

via Faenza 115/R

Firenze

 



Condividi

Like

0

Ti potrebbe interessare

0
0

    Leave a Reply

    Thanks for submitting your comment!

    Commenti recenti

    Scelte dell'editore